Partito di Alternativa Comunista

Continua il genocidio imperialista in Afghanistan

Continua il genocidio imperialista in Afghanistan

Le ultime vicende mostrano il vero volto dell’imperialismo

 

 

 

di Claudio Mastrogiulio

 

L’asse Italia – Usa si dimostra sempre più compatto nella difesa degli interessi interimperialistici in Afghanistan e nelle altre zone di guerra. Negli ultimi giorni si sono verificati episodi che, ancora una volta, mostrano il significato e le conseguenze reali delle missioni militari occidentali in giro per il mondo ed in Afghanistan in modo particolarmente evidente.

Le responsabilità dell'amministrazione Obama

Chi (più o meno in mala fede) riteneva che l'elezione della nuova punta di diamante del grande capitale americano, vale a dire Barack Obama, rappresentasse una svolta nei riguardi delle disastrose politiche di aggressione militare targate Bush, deve oggi necessariamente fare i conti con la cruda realtà dei fatti.
Nel corso di attacchi portati da raid statunitensi nella provincia di Farah, nell'ovest dell'Afghanistan, sono stati impunemente uccisi più di cento civili. Si trattava di donne,vecchi e bambini che, nel momento in cui sono stati colpiti, cercavano riparo nelle case della zona. Il presidente Obama, da consumato imperialista e servo degli interessi del grande capitale americano qual è, ha annunciato "per evitare che simili situazioni accadano nuovamente" un aumento del contingente statunitense in Afghanistan attestato intorno alle 21.000 unità (!). Ha inoltre ribadito la necessità di più truppe e risorse nella regione anche se "ci saranno altre violenze ed insuccessi". Ad accompagnare questi proclami, degni della più becera tradizione imperialista, sono giunte le parole del segretario di Stato Usa, Hillary Clinton, secondo cui bisogna continuare sulla strada dell'occupazione del territorio afghano.
Queste vicende mostrano con grande evidenza i connotati di classe che caratterizzano il nuovo presidente Usa. In una situazione di crisi globale del capitalismo, in cui sempre più si manifestano i segni evidenti di un sistema economico-sociale putrescente, il "volto nuovo" di Obama ha rappresentato un clamoroso inganno per le grandi masse americane. I primi mesi del corso obamiano sono infatti trascorsi all'insegna di salvataggi di grandi banche ed imprese private (si pensi alla Chrysler) con soldi pubblici (dunque dei lavoratori americani), di promesse di aumento di spese militari, di continui morti innocenti sulla scena internazionale in cui l'imperialismo è impegnato per garantire la sopravvivenza del proprio dominio.
La realtà dei fatti dà, dunque, spaventosamente ragione a chi, come la Lega Internazionale dei Lavoratori (di cui il Pdac è sezione italiana) ha fin da subito smascherato il grande inganno che la borghesia ha architettato nei confronti delle masse americane e mondiali.

 

 

I "nostri ragazzi" sono degli assassini!

Veniamo ora alla vicenda che ha visto protagonisti, in qualità di carnefici, i militari italiani in territorio afghano. Il 3 maggio scorso una bambina afghana di tredici anni è stata uccisa dai "nostri ragazzi". Le sue "colpe" sono state quella di essere afghana e quella di viaggiare, insieme ad alcuni familiari, su una Toyota Corolla. Le bande armate del capitale italiano hanno utilizzato, come alibi per tentare di autoassolversi, il fatto che il particolare modello dell'auto fosse segnalato come uno di quelli utilizzati dagli attentatori come autobombe. Tralasciando l'idiozia di questa giustificazione, è possibile, come spesso accade in tali vicende, ascoltare ricostruzioni surreali ed offensive dell'intelligenza di chiunque sia dotato un minimo di materiale cerebrale.
Anche in questo caso, la ricostruzione degli assassini di Stato ha assunto i caratteri della farsa. Secondo rappresentanti del contingente italiano, infatti, la pattuglia, composta da tre veicoli, ha visto sopraggiungere in senso di marcia opposto l'auto "incriminata" a velocità sostenuta. Sempre secondo questa "ricostruzione" i militari avrebbero intimato l'alt, successivamente avrebbero avvertito il conducente dell'auto dell'ordine impartitogli con la mano, un grido ed infine con dei colpi di avvertimento in aria. L'auto avrebbe però proseguito la sua corsa, "costringendo" la pattuglia a far fuoco prima sul terreno e poi sul cofano dell'auto.
Quello che risulta evidente è la totale inconsistenza di questa falsificazione della realtà. Anzitutto, l'uomo alla guida dell'auto (il padre della bambina freddamente giustiziata) ha dichiarato che la pattuglia italiana che ha aperto il fuoco era dietro di lui, aggiungendo di non aver sentito alcun segnale di avvertimento. Foto ed immagini televisive danno, nonostante le falsità disseminate a piene mani dai vertici militari italiani, evidentemente ragione al padre della bambina. Queste foto mostrano il sedile posteriore dell'auto macchiato di sangue, il lunotto posteriore infranto, un foro sul montante del portellone posteriore, a dimostrazione di come la raffica di proiettili fosse stata esplosa non sulla parte anteriore dell'auto (il cofano motore, come dichiarano i militari) ma, al contrario, su quella posteriore. Come se non bastasse, immagini televisive mostrano l'auto con i finestrini posteriori e laterali crivellati di colpi, presentando il parabrezza sostanzialmente intatto.
In Italia, intanto, la spudorata difesa delle scelte dell'imperialismo e dei suoi fedeli sicari è un argomento bipartisan, tanto da sentire il ministro della Difesa La Russa affermare che, nonostante tutto, lo spirito con cui l'Italia partecipa alla missione Isaf (sotto l'egida dell'Onu, ormai sempre più il comitato d'affari e di rapina dell'imperialismo internazionale) resta quello della "stabilizzazione del paese". Per il fronte Pd è Fassino a riaffermare il principio che ha caratterizzato la politica estera dell'ultimo governo Prodi (sostenuto dal Prc e dal Pdci che oggi si riscoprono magicamente "anticapitalisti") di un rafforzamento delle truppe italiane in Afghanistan con il corrispettivo aumento delle spese militari.   

 

 

Con la resistenza, contro l'imperialismo

Chiunque si ritenga un ferreo oppositore di questo iniquo sistema sociale che costringe la maggioranza della  popolazione mondiale a subire sfruttamento, carestie, guerre per poter permettere ad un pugno di capitalisti di detenere la quasi totalità delle risorse e dei beni socialmente e naturalmente prodotti, non può non porre come punto imprescindibile per il reale affrancamento delle popolazioni occupate, una reale autonomia politica, organizzativa e di classe dei proletariati nei confronti delle rispettive borghesie. È necessario anche garantire una mobilitazione, in Europa ed in tutto l'Occidente, che si opponga fermamente alle politiche poste in essere dall'imperialismo capitalista; su questa strada il Partito di Alternativa Comunista appoggia ed appoggerà sempre tutti i segnali volti ad intraprendere un tale percorso politico.        

 

 

Iscrizione Newsletter

Iscrizione Newsletter

Compila il modulo per iscriverti alla nostra newsletter - I campi contrassegnati da sono obbligatori.


Il campo per collaborare col partito è opzionale

 

Appuntamenti





campagna

tesseramento 2022

 






Il libro sulla lotta in Alitalia

 




 16 giugno zoom nazionale 

 

 


sabato 28 maggio Cremona

 


martedì 17 maggio

 

 


 

Giovedì 28 aprile 

ROMA

 


Giovedì 21 aprile:

zoom nazionale sulla Resistenza

 


 

14 APRILE MILANO

ASSEMBLEA ZOOM

 


LUNEDI' 28 MARZO 

ASSEMBLEA ZOOM

 

 


 mercoledì 23 marzo

 


 

Lega Internazionale dei Lavoratori - Quarta Internazionale

NEWS Progetto Comunista n 113

NEWS Trotskismo Oggi n 19

Ultimi Video

tv del pdac