Partito di Alternativa Comunista

Indignati negli Usa

Lo sviluppo del movimento

tra gli attacchi della repressione e dei sindacati

 


 

di Adriano Lotito

indignados usa

 

Il movimento di protesta, nato negli Usa lo scorso settembre, ha realizzato notevoli passi in avanti, riuscendo a progredire sia nell’organizzazione sia nel dibattito politico interno. Accanto al primo e più visibile, dal punto di vista mediatico, “Occupy Wall Street”, sono nati decine di movimenti e comitati simili in quasi tutti gli stati della federazione. Si tratta di qualcosa di molto potente poiché questo avviene nel cuore dell’economia mondiale e della crisi capitalistica in un Paese, peraltro, poco abituato e avvezzo ad una tradizione di lotte di classe organizzate. Questo processo di lotte e movimenti ha destato una reale preoccupazione nelle istituzioni finanziare e politiche, nel padronato nordamericano, tanto che la reazione delle forze di repressione di Stato non si è fatta attendere e ha prodotto, nel giro di un mese e mezzo, centinaia d’arresti e sanzioni nei confronti di studenti e lavoratori che manifestano.

 

Cause e origini degli “indignados” nordamericani

 

Il movimento dei cosiddetti “indignati di Wall Street” è nato nei primi giorni di settembre portando nelle strade e nelle piazze migliaia di cittadini di New York, lavoratori, disoccupati, studenti, sfrattati e raccogliendo un gran consenso nello strato disagiato delle grandi metropoli nordamericane. Infatti, già nelle prime settimane l’onda d’urto si è espansa coinvolgendo la classe lavoratrice della West Coast (Los Angeles, San Francisco), del Midwest (Chicago), del Nord (Michigan e Massachusetts) e perfino il più reazionario entroterra continentale. La spontaneità del movimento e i vaghi obiettivi programmatici che il movimento si è dato sono, sicuramente, uno dei segni di debolezza di questa lotta (come in generale del movimento a livello internazionale), ma i segni positivi che si sono avuti sono da ricercare nella ricchezza di dibattito dal basso e nella determinazione con cui è condotta la lotta considerando, inoltre, la risposta brutale delle forze repressive di Stato che non hanno esitato a caricare più volte le iniziative pacifiche (come in occasione del tentativo di occupare Times Square lo scorso 15 ottobre).
Tra le prime cause che hanno acceso la fiamma del movimento c’è la rabbia sociale nei confronti dei privilegi e dei profitti che hanno accumulato i top manager statunitensi negli ultimi anni, con e nonostante la crisi economica. E’ il caso di Lèo Apotheker, uno dei boss della Silicon Valley che, dopo aver condotto al disastro il colosso informatico Hewlett-Packard, è stato “liquidato” con un premio di licenziamento di 13 milioni di dollari. Oppure il chief executive d’Amgen (azienda del settore biotecnologie) che, dopo aver messo sul lastrico 2700 lavoratori (licenziandoli in tronco), se n’è scappato con un bottino di 21 milioni di dollari di stipendio annuo. Un insieme di fattori che ha prodotto una giusta e inevitabile esplosione del conflitto sociale.

 

Sciopero generale e sindacati collaborazionisti

 

L’apice del movimento, a livello nazionale, è stato raggiunto il 2 novembre con l’ottima riuscita dello sciopero generale ad Oakland e con l’occupazione del porto e delle scuole, cui si sono associati blocchi degli uffici, della produzione e delle strade in modo permanente per tutta la giornata. Il comitato Occupy Oakland ha dimostrato in questi ultimi giorni di essere l’avanguardia più combattiva di tutto il Paese organizzando il primo sciopero generale del secondo dopoguerra, nonostante i numerosissimi divieti e sanzioni delle varie leggi repressive varate dai governi che si sono alternati, di repubblicani e democratici. Uno sciopero organizzato dal basso e indipendente dalle direzioni burocratiche dei maggiori sindacati del Paese, riuniti nell’American Federation of Labor and Congress of Industrial Organizations (Afl-Cio), che lo hanno boicottato costituendosi come parte integrante della macchina repressiva statale declamando la loro lealtà nei confronti dei contratti firmati (i quali hanno clausole antisciopero severissime). Si tratta questo di uno storico passo in avanti nella costruzione di un forte movimento di conflitto generalizzato in un Paese, gli Usa, la cui classe operaia ha poche esperienze di lotte di classe nella sua storia.

 

Costruire una direzione rivoluzionaria del movimento!

 

Come trasformare il sentimento d’indignazione, e il movimento creatosi, in un fattore politico realmente positivo e rivoluzionario? Questa è la domanda che sta attraversando i numerosi dibattiti politici in corso nel movimento a livello mondiale. Ebbene, la risposta del marxismo rivoluzionario a questa domanda decisiva è questa: bisogna assolutamente aggregare i settori più combattivi del movimento e organizzarli, in maniera disciplinata e consapevole, in un partito rivoluzionario, come la storia ci ha insegnato. Senza una direzione centralista e democratica  ogni movimento positivo svaporerà in un nulla di fatto. Peraltro, la direzione del movimento, al momento, potrebbe essere lasciata a gruppi ambigui e politicamente dannosi, come il sindacato anarchico Industrial Workers of the World (Iww), l’unico sindacato ad aver appoggiato lo sciopero generale d’Oakland e la lotta degli scaricatori del porto di Longview, ma che, in prospettiva, non può costruire nessuna reale alternativa di società. Solo con una direzione rivoluzionaria del movimento è possibile auspicare un superamento del sistema capitalista e la costruzione dell’unica soluzione credibile per uscire dalla crisi: un’economia pianificata sotto il controllo dei lavoratori, in altre parole il socialismo.

 

Iscrizione Newsletter

Iscrizione Newsletter

Compila il modulo per iscriverti alla nostra newsletter - I campi contrassegnati da sono obbligatori.


Il campo per collaborare col partito è opzionale

 

Campagne ed Iniziative





campagna

tesseramento 2024

 






Il libro sulla lotta in Alitalia

 




21 febbraio: zoom nazionale

 

 


4 febbraio

Bari


 

21 gennaio

formazione

 


31 dicembre

Bari


giovedì 21 dicembre

modena


domenica 17 dicembre

Cremona

 

 
 
 

 
4 dicembre
 
 

 
 16 ottobre ore 20.45
 
 

Cremona

sabato 14 ottobre ore 1530

 
 
 1-8-15 ottobre
 
 

 
festa in baracca
Cremona
 

 
martedì 27 giugno
zoom Milano
 
 
 

 
 
17 maggio
zoom nazionale su Marx
 
 
 

 

 

Lega Internazionale dei Lavoratori - Quarta Internazionale

NEWS Progetto Comunista n 130

NEWS Trotskismo Oggi n 22

Ultimi Video

tv del pdac