Partito di Alternativa Comunista

LA RIVOLUZIONE EGIZIANA AVANZA!

LA RIVOLUZIONE EGIZIANA AVANZA!
VIVA LA RIVOLUZIONE EGIZIANA!



di Francesco Ricci

La rivoluzione egiziana conosce una nuova gigantesca avanzata. Nonostante la repressione brutale messa in campo dal regime (che non esita a usare persino i gas nervini), nonostante le decine di manifestanti uccisi, nulla e nessuno appare in grado di fermare lavoratori e giovani che a milioni si stanno mobilitando in tutto il Paese e che in decine di migliaia hanno riguadagnato piazza Tahrir per riaprire la via alla rivoluzione, facendo divampare di nuovo le fiamme che covavano sotto l'apparente e relativa calma delle ultime settimane.
Questa forza inarrestabile ha già costretto alle dimissioni il governo provvisorio mentre ora l'esercito, che (finanziato ed eterodiretto dagli Stati Uniti) domina il Paese, cerca di formare un nuovo governo attorno a Kamal Ganzouri e, nelle stesse ore, manifestazioni di massa prendono d'assalto i ministeri.
La rivoluzione, come avevamo previsto e analizzato in tanti testi della Lit e del Pdac, non aveva certo esaurito il suo scopo con la cacciata di Mubarak e l'insediamento di un governo provvisorio altrettanto servo dell'imperialismo e delle multinazionali. La rivoluzione non ha ancora esaurito i suoi compiti perché è nata nei fatti contro il capitalismo e potrà concludersi solo con la sconfitta di una delle due parti in campo: o la borghesia egiziana e l'imperialismo o le masse proletarie.
Del tutto false si stanno rivelando le analisi interessate di chi cerca di presentare le rivoluzioni arabe come prodotto di complotti o in altri casi enfatizza il peso delle direzioni islamiste. Il coinvolgimento di massa è la miglior prova che a far ardere il fuoco della rivoluzione non è un complotto ma l'esistenza di un sistema, il capitalismo, i cui effetti non sono più tollerabili a nessuna latitudine. Quanto alle direzioni nazionaliste borghesi, religiose o laiche che siano, proprio il caso egiziano conferma che, opponendosi nei fatti allo sviluppo dei processi in corso si ritrovano sempre più ai margini. Non a caso i Fratelli musulmani, nel pieno di questa nuova esplosione, si limitano a invocare nuove elezioni, favorendo così il regime ma venendo al contempo contestati dalla piazza che ha scopi ben diversi da quelli meramente elettorali.
Quella che vediamo in azione in Egitto è la forza immensa che solo una rivoluzione sa dispiegare. I mass media occidentali hanno cercato fino all'ultimo di relegare la notizia in coda ai notiziari, finché sono stati costretti, dall'enormità dei fatti, a darne conto. A tremare in queste ore non sono solo le classi dominanti egiziane, e nemmeno solo quelle di tutto il Nord Africa e il Medio Oriente, ma quelle del mondo intero. L'imperialismo ha imparato a conoscere, a sue spese, in questi mesi, il potere di contagio che hanno certe immagini. L'esempio egiziano già sta trovando - e sempre più troverà di fronte alla crisi crescente del capitalismo in putrefazione - occhi attenti e braccia pronte anche nelle piazze occidentali.
Al contempo, il fatto che all'enorme forza delle masse egiziane, purtroppo prive di organizzazione e di adeguato armamento, sia stata finora sbarrata la via del potere, è la conferma della necessità di costruire, in Egitto come in ogni altro Paese, quel partito rivoluzionario che tutta la storia ha confermato essere lo strumento indispensabile per consentire alla forza delle masse di vincere definitivamente. E' un compito che dobbiamo affrontare a livello internazionale e la cui soluzione è favorita oggi dalle piazze che si riempiono dall'Europa agli Stati Uniti, dallo Yemen alla Siria. In questa lotta i proletari egiziani sono oggi la coraggiosa avanguardia.

condividi

Iscrizione Newsletter

Iscrizione Newsletter

Compila il modulo per iscriverti alla nostra newsletter - I campi contrassegnati da sono obbligatori.


Il campo per collaborare col partito è opzionale

 

Campagne ed Iniziative





campagna

tesseramento 2024

 






Il libro sulla lotta in Alitalia

 




21 febbraio: zoom nazionale

 

 


4 febbraio

Bari


 

21 gennaio

formazione

 


31 dicembre

Bari


giovedì 21 dicembre

modena


domenica 17 dicembre

Cremona

 

 
 
 

 
4 dicembre
 
 

 
 16 ottobre ore 20.45
 
 

Cremona

sabato 14 ottobre ore 1530

 
 
 1-8-15 ottobre
 
 

 
festa in baracca
Cremona
 

 
martedì 27 giugno
zoom Milano
 
 
 

 
 
17 maggio
zoom nazionale su Marx
 
 
 

 

 

Lega Internazionale dei Lavoratori - Quarta Internazionale

NEWS Progetto Comunista n 130

NEWS Trotskismo Oggi n 22

Ultimi Video

tv del pdac