Partito di Alternativa Comunista

Siria LE MASSE IN PIAZZA CONTRO LA DITTATURA ASSASSINA

Siria
LE MASSE IN PIAZZA
CONTRO LA DITTATURA ASSASSINA

 
di Riccardo Bocchese
siria
 
Sono saliti a 32 i civili siriani uccisi sabato 17 settembre dalle forze di sicurezza del regime in diverse città del Paese: lo riporta l'emittente Al Arabiya. Dall'inizio delle proteste contro il governo, nello scorso mese di marzo, la repressione del regime siriano di Bashar al Assad ha causato oltre 2.700 morti e migliaia di dispersi; almeno 15mila civili si trovano attualmente detenuti nelle carceri siriane.
Sempre di più sono i siriani che a causa della repressione stanno scappando in Libano (dal 7 settembre oltre 3.500 sono i siriani che hanno attraversato la frontiera verso il Libano), mentre sarebbero almeno sette mila i profughi riversatisi in territorio turco dal confine meridionale con la Siria. Lo scorso giovedì 15 settembre gli Stati Uniti hanno chiamato i loro connazionali a “Lasciare immediatamente il paese” finché i mezzi di trasporto commerciali sono ancora disponibili.
La velocità con cui si stanno susseguendo sempre nuovi segnali di crisi, in Siria, è impressionante: le sanzioni economiche dell’Unione Europea, la presa di posizione russa di condanna delle stesse, le parole del premier turco Erdogan che da ex alleato di Damasco (capitale della Siria) ora afferma che “Questo tipo di dirigenti devono comprendere che la loro era è finita perché il tempo dei regimi oppressori è terminato”, il Qatar e l’Arabia Saudita che hanno richiamato i loro ambasciatori, l’Iran che ha presso le distanze da Damasco. Bashar si ritrova sempre più isolato nella scena internazionale.
Infine, la nascita (giovedì 14 settembre) del primo Consiglio Nazionale dell’Opposizione con l’obiettivo di rovesciare la tirannia d’Assad, Consiglio formato da 140 membri di cui metà in esilio, a conferma di un clima d’attesa sempre più pressante in Siria.
 
Assad è un dittatore, come Gheddafi
Le insurrezioni che da gennaio hanno coinvolto tutto il mondo arabo fanno parte di un processo rivoluzionario scoppiato a causa della crisi e dell’aumento dei prezzi, del divario economico enorme tra le popolazioni e la classe dominante e della mancanza di diritti minimi dovuta a governi decennali dei tiranni. Ma è anche il prodotto di un’identificazione da parte delle popolazioni della comune e convinta solidarietà alla popolazione palestinese e al conseguente ripudio dello Stato di Israele. La questione della Palestina, combinata con la consapevolezza che tutte le mobilitazioni sono parte di uno stesso processo, mette in chiaro che il ruolo di Gheddafi e Assad in Libia e Siria è lo stesso degli altri dittatori del mondo arabo. Per costruire e rafforzare la rivoluzione araba, la lotta deve essere rivolta contro questi dittatori e contro l’imperialismo. Dittatori che, oltre ad essere colpevoli di aver rivolto le armi contro il proprio popolo, rappresentano anche i difensori della pace sociale durata tutti questi anni a tutela dello Stato di Israele.
 
La stabilità del regime di Assad è la garanzia della stabilità d’Israele
La Libia di Gheddafi e la Siria di Bashar el Assad sono governi considerati amici e difesi da Chavez e Castro (e dagli sparuti gruppi stalinisti di casa nostra). Il loro è nei fatti uno schierarsi contro la rivoluzione a favore di regimi che da anni hanno, in varie forme, costituito una garanzia per gli interessi dell'imperialismo (paradossalmente tutto ciò viene fatto invocando un presunto "antimperialismo" e accusando chi difende le rivoluzioni di essere "amico della Nato").
Il regime degli Assad in Siria rappresenta una dinastia: oltre quarant’anni di dittatura. L’attuale presidente ha ereditato dieci anni fa il potere da suo padre Hafez, che aveva governato dal 1971. La famiglia Assad controlla tutte le istituzioni, l’esercito e la guardia presidenziale e la dittatura siriana è scesa a patti con Israele ed è stata la chiave per la “pacificazione” della zona a spese del popolo palestinese. Questo mentre la popolazione vive nella miseria, oltre il 30 per cento ha un reddito al di sotto della soglia di povertà e con alti indici di disoccupazione.
Contro questa situazione la popolazione si è sollevata. Il passaggio di ampi settori dell'esercito dalla parte dei manifestanti (già ci sono state le prime diserzioni) potrebbe modificare rapidamente il quadro.
 
Nessuna fiducia nelle borghesie nazionali
Per parte nostra, come Pdac e come Lit, come abbiamo scritto e argomentato in tanti articoli, non riponiamo nessuna fiducia nei vari governi provvisori e nei Consigli nazionali di transizione che in ognuno di questi Paesi hanno come unico scopo quello di deviare la rivoluzione, lasciando il potere in mano di altre frazioni borghesi e dell'imperialismo, rimandando a casa le masse, scippando loro il potere che sarebbe a portata di mano. Ma avere consapevolezza delle contraddizioni di questi processi non può significare, nemmeno per un minuto, schierarsi a favore dei vari Assad e Gheddafi contro le masse popolari in lotta, significa piuttosto porsi il problema di costruire altre direzioni.
Solo chi non vuole vedere non capisce che un ulteriore sviluppo delle mobilitazioni in Siria, combinato con gli sviluppi di questi giorni in Yemen, potrebbe rialimentare sia la lotta rivoluzionaria che prosegue in tanti Paesi della regione, sia contribuire all'ulteriore estensione del contagio rivoluzionario ai pochi Paesi dell'area per ora rimasti relativamente stabili. A loro volta, queste nuove fiammate delle rivoluzioni arabe danno nuovo alimento alla crescita delle lotte in Europa. La combinazione di tutti questi elementi con l'aggravarsi della crisi dell'economia capitalistica determina uno scenario mondiale senza precedenti. La costruzione di una direzione rivoluzionaria internazionale è più che mai il compito principale di tutti coloro che vogliono porre fine alla società divisa in classi.
 

 

Iscrizione Newsletter

Iscrizione Newsletter

Compila il modulo per iscriverti alla nostra newsletter - I campi contrassegnati da sono obbligatori.


Il campo per collaborare col partito è opzionale

 

Campagne ed Iniziative





campagna

tesseramento 2024

 






Il libro sulla lotta in Alitalia

 




21 febbraio: zoom nazionale

 

 


4 febbraio

Bari


 

21 gennaio

formazione

 


31 dicembre

Bari


giovedì 21 dicembre

modena


domenica 17 dicembre

Cremona

 

 
 
 

 
4 dicembre
 
 

 
 16 ottobre ore 20.45
 
 

Cremona

sabato 14 ottobre ore 1530

 
 
 1-8-15 ottobre
 
 

 
festa in baracca
Cremona
 

 
martedì 27 giugno
zoom Milano
 
 
 

 
 
17 maggio
zoom nazionale su Marx
 
 
 

 

 

Lega Internazionale dei Lavoratori - Quarta Internazionale

NEWS Progetto Comunista n 130

NEWS Trotskismo Oggi n 22

Ultimi Video

tv del pdac