Partito di Alternativa Comunista

Sosteniamo il boicottaggio a Israele!

Sosteniamo il boicottaggio a Israele!

Rompiamo l'embargo a Gaza!

 

dichiarazione della Lega Internazionale dei Lavoratori - Quarta Internazionale


L'attacco delle forze armate israeliane alla flottiglia internazionale che portava aiuti umanitari alla Striscia di Gaza ha messo a nudo una volta di più il vero carattere dello Stato d'Israele. Perché l'assassinio di almeno 9 attivisti è stato, in ultima analisi, la continuità della politica genocida che Israele applica quotidianamente contro il popolo palestinese, specialmente contro gli abitanti della Striscia di Gaza.

Non ci riferiamo soltanto ai continui attacchi militari israeliani nei confronti di Gaza, ma anche ai terribili effetti dell'embargo che, da molti anni, Israele porta avanti per spezzare - per fame - la resistenza dei suoi abitanti.
Secondo notizie dell'Onu e dell'Oms (Organizzazione Mondiale della Sanità), "i bambini di Gaza subiscono un aumento di malattie i cui effetti si faranno sentire in futuro, specialmente sulla durata della vita di molti di loro". Con un cinismo senza pari, alcuni leader israeliani la buttano in sarcasmo dicendo che si tratta di "mettere a dieta i palestinesi" (citazione tratta dall'articolo di Henry Siegman, direttore del Us/Middle East Project per il giornale Haaretz, pubblicato in Rebelión, 16/6/2010).
Contro questo massacro sistematico e permanente della popolazione palestinese a Gaza, alcuni attivisti ed organizzazioni di diritti umani si sono aggregati al Free Gaza Movement (Movimento Gaza Libera) ed hanno lanciato una campagna internazionale che lotta per la fine dell'embargo alla Striscia di Gaza e che, già nell'agosto del 2008, aveva mandato la prima flottiglia in questa regione. Quella attaccata ora da Israele fa parte di questa campagna e per questo, essendo destinata a rompere l'embargo, è stata brutalmente attaccata perché servisse d'esempio: chiunque voglia aiutare Gaza è considerato un nemico e sarà liquidato da Israele.

 

Aumento dell'isolamento internazionale di Israele

Ma questa politica israeliana non è senza conseguenze. Nella misura in cui, progressivamente, si disvela la farsa del "paese democratico" in mezzo a "paesi arabi dittatoriali" con cui Israele ha coperto il suo vero carattere nei decenni scorsi, adesso iniziano a crescere il ripudio e l'isolamento internazionale.
Dopo l'attacco alla flottiglia ci sono state grandi manifestazioni in Turchia, nei paesi musulmani e in tutta Europa. In tutto il mondo c'è stato un aumento delle azioni di ripudio di massa nei confronti di Israele ed un salto nella coscienza dei popoli su cosa sia in realtà lo Stato d'Israele.
Una conseguenza dell'attacco alla flottiglia nel panorama della regione mediorientale è stata l'allontanamento fra Israele ed il governo turco, finora il principale alleato nel mondo musulmano. Un risultato quasi inevitabile, dal momento che varie navi della flottiglia battevano bandiera turca e molti attivisti (tra cui la maggioranza di quelli morti) erano di nazionalità turca.
Altra conseguenza è stata che il governo egiziano retto dal dittatore Mubarak, altro tradizionale alleato di Israele, si è visto costretto ad allentare per il momento l'embargo con cui stringeva, in collaborazione con Israele, la Striscia di Gaza. Lo stesso Stato d'Israele si è visto costretto a ridurre la lista di prodotti proibiti dall'embargo.
Perfino nella comunità ebraica statunitense, la più numerosa fuori da Israele ed uno degli appoggi più forti dello Stato sionista, iniziano a sorgere settori che mettono in discussione l'azione israeliana. Nell'articolo già citato, Henry Siegman (egli stesso un ebreo statunitense) afferma che: "Il diffondersi della condanna del mondo a Israele è una reminiscenza dell'epoca più oscura dell'era Hitler". Siegman chiarisce che, in questo caso, è lo Stato sionista a giocare il ruolo dei nazisti e le sue vittime sono i palestinesi di Gaza: "Un milione e mezzo di civili sono stati costretti a vivere in una prigione a cielo aperto in condizioni subumane per più di tre anni".

 

Complicità imperialista

Tuttavia, né la politica genocida israeliana contro i palestinesi, né il massacro degli attivisti internazionali hanno potuto cambiare la complicità dei governi dei paesi imperialisti (Usa ed Europa) e dell'Onu con Israele. Sia questi governi che l'organismo internazionale si rifiutano di condannare Israele e la sua politica genocida.
Le ragioni sono molto profonde: nel 1948, Israele venne creato, con votazione dell'Onu, come un'enclave imperialista per svolgere il ruolo di "gendarme" contro il popolo palestinese e la lotta dei popoli arabi. In questo senso, è l'unico alleato sicuro degli Usa nella regione (concetto chiaramente riaffermato da Obama). Per questo, la sua esistenza sarà sempre difesa fino alla fine dall'imperialismo.

 

La popolazione israeliana appoggia il genocidio

Gli ultimi fatti non hanno minimamente modificato l'appoggio ampiamente maggioritario della popolazione israeliana a questa politica genocida. Secondo un'indagine realizzata dal giornale Israel Hayom, il 92% degli israeliani ha appoggiato l'attacco alla Freedom Flotilla e il 78% è d'accordo con l'assedio alla Striscia di Gaza.
È assolutamente logico: come abitanti di un'enclave colonial‑militare, la maggioranza ebraica di essi sa che, per difendere i propri privilegi ed il proprio livello di vita (basato su un'economia fondata sul bilancio militare e la fabbricazione di armi), deve difendere fino alla fine l'esistenza di questo Stato. Di qui, l'appoggio a tutte le politiche e alle misure del governo (finanche le più crudeli e inumane), destinate a quest'obiettivo.
Alcuni settori minoritari israeliani, come alcuni dei sopravvissuti alla persecuzione nazista, o i pochi pacifisti che vengono ostilmente additati dai fascisti nelle loro manifestazioni, possono essere in contraddizione con questi provvedimenti. Ma, come riferisce Siegman, il sentimento ampiamente maggioritario è quello riportatogli da un amico israeliano: "A tutti gli effetti pratici, essi sono arabi".
È sempre più chiaro che non ci sarà un'autentica soluzione finché non venga distrutto lo Stato d'Israele (la cui esistenza e natura sono la causa profonda del conflitto) e non venga creato uno Stato palestinese unico, laico, democratico e non razzista; in cui possano far ritorno alle loro terre i palestinesi espulsi ed in cui possano convivere pacificamente gli ebrei residenti che lo vogliano e che accettino i diritti dei palestinesi.

 

Cresce la campagna di boicottaggio a Israele

Nell'immediato, stanno crescendo l'isolamento e il ripudio di Israele fra le organizzazioni sindacali e popolari e fra gli intellettuali di tutto il mondo. Anche gli artisti si stanno aggiungendo. Ad esempio, il musicista statunitense Carlos Santana, il cantante inglese Elvis Costello e il gruppo rock Pixies hanno cancellato i loro concerti in Israele.
Ma ciò che è ancor più importante è che la campagna internazionale per il boicottaggio sta facendo un salto in avanti. La campagna è stata lanciata nel 2005 dal Pacbi (Campagna Palestinese per il Boicottaggio Culturale ed Accademico ad Israele), uno dei cui membri fondatori è Haidar Eid, professore dell'Università di Al‑Aqsa, a Gaza (se ne può leggere l'intervista all'indirizzo www.litci.org/declaraciones/94‑medio‑oriente/808‑artigo808).
Questa campagna è stata lanciata da un'ampia coalizione di organizzazioni palestinesi che ha raggruppato praticamente tutte le correnti d'opinione lì insediate. A partire dalla sua proposta, è stata creata la Piattaforma Bds (Boicottaggio, Disinvestimento, Sanzioni) che sostiene un boicottaggio internazionale sindacale, accademico, sportivo, commerciale e dei consumatori nei confronti di Israele. Questa campagna ha un coordinamento internazionale dei comitati nazionali che ha appena realizzato in Svezia una riunione con 120 persone provenienti dalla Francia, Inghilterra, Irlanda, Scozia, Italia, Spagna (specialmente Catalogna e Paesi Baschi), Portogallo, Svezia, Norvegia e Sudafrica. È stata anche proposta la creazione di una "piattaforma sindacale pro‑Palestina", passo molto importante per consentire l'appoggio del movimento operaio mondiale a questa campagna contro Israele e la sua politica genocida.

 

La solidarietà operaia

Benché l'insieme della campagna sia molto importante per isolare e preparare la sconfitta di Israele, vogliamo sottolineare l'importanza della solidarietà operaia perché permette di colpire Israele nell'intercambio commerciale internazionale e rende molto più costoso per i suoi sostenitori internazionali e le imprese che investono lì mantenere l'appoggio al genocidio praticato dai sionisti. E anche perché ha un senso di solidarietà della classe operaia di grande importanza per ricostruire l'internazionalismo operaio, come è accaduto in altre epoche per i movimenti di solidarietà al popolo spagnolo contro il franchismo e contro l'apartheid sudafricano.
Per questo, consideriamo di enorme rilevanza alcuni recenti risultati della campagna rivolta ai sindacati, come ad esempio:

§         la decisione dei sindacati portuali di Svezia e Norvegia di aderire alla campagna. In Svezia, gli stivatori non hanno scaricato per una settimana (il massimo consentito dalla legge) nessun container di prodotti israeliani, molti dei quali realizzati in condizioni illegali (cioè nelle colonie situate nei territori occupati dal 1967). Björn Borg, dirigente del sindacato, prevede di ripetere la protesta che il suo sindacato ha realizzato in passato contro il fascismo cileno e l'apartheid sudafricano;

§         la University and College Union, sindacato che rappresenta circa 120.000 docenti e impiegati di scuole e università della Gran Bretagna, ha deciso di aderire al Bds contro Israele nel congresso svoltosi a Manchester lo scorso 30 maggio;

§         il Comitato Esecutivo Centrale del Samwu (sindacato dei lavoratori municipali del Sudafrica) ha deciso che, come parte della campagna Bds, impedirà qualsiasi legame accademico, culturale, sportivo e di altra natura con Israele e ha pubblicamente dichiarato la sua solidarietà al popolo palestinese. Nello stesso paese, nel febbraio scorso, gli stivatori di Durban hanno rifiutato di scaricare i container di una nave israeliana;

§         il Cmfeu (sindacato australiano dei lavoratori edili, dei minatori e dei lavoratori dell'energia) ha deciso di aderire, lo scorso 11 maggio, al Bds;

§         negli Usa, 800 attivisti della comunità e dei sindacati, convocati dall'organizzazione Answer, hanno bloccato i varchi del porto di Oakland (vicino alla città di San Francisco, California) per spingere gli stivatori a non caricare e scaricare navi provenienti o dirette in Israele. I membri dell'International Longshore and Warehouse Union (Ilwu, sindacato dei portuali) hanno appoggiato l'appello e hanno partecipato al picchetto.

 

Appoggiamo e sosteniamo la campagna

La Lega Internazionale dei Lavoratori - Quarta Internazionale esprime la sua adesione a questa campagna. Facciamo appello alle organizzazioni sindacali, sociali, studentesche e popolari, ad organizzare e sviluppare attività di boicottaggio a Israele in tutto il mondo. Siamo in un momento in cui è possibile sviluppare azioni che approfondiscano l'isolamento internazionale di Israele, debilitando realmente lo Stato sionista. In tal modo, appoggeremo e rafforzeremo la lotta del popolo palestinese. Ciò significa sostenere la più ampia unità d'azione di tutti coloro che coincidono con gli obiettivi della campagna.
È fondamentale per questo l'unità con le comunità arabe e palestinesi di altri paesi e con tutte le correnti che accettino di sostenerla. Sappiamo che è molto importante realizzare una forte campagna per rompere l'embargo di Gaza e che l'appello al boicottaggio può colpire Israele. Ma, nel quadro di questa campagna unitaria, segnaliamo che si rende necessaria una lotta molto più dura, che giunga fino alla sconfitta definitiva di Israele.
Ciò esige l'azione di massa in tutto il Medioriente e nel mondo intero, per distruggere questo Stato razzista e genocida e recuperare tutto il territorio palestinese per una Palestina laica, democratica e non razzista. In questo cammino, il boicottaggio consente di mobilitare e generare una coscienza su questa necessità strategica ed aprire la strada ad azioni più incisive con questa prospettiva.
È necessario mobilitare le masse arabe e musulmane affinché esigano dai loro governi la rottura con Israele, che l'Egitto tolga immediatamente e incondizionatamente l'embargo e che tutti i paesi arabi rompano le relazioni con Israele.
In Europa, è necessario sconfiggere l'appoggio che la stessa Unione Europea e i governi imperialisti dà a Israele. Quei governi che si riempiono la bocca parlano di "diritti umani", ma appoggiano sistematicamente lo Stato d'Israele e voltano lo sguardo rispetto alle sue pratiche genocide; oppure chiedono "inchieste" che non vengono mai realizzate e che, quando pure lo sono - e Israele non le accetta - le si ignora, com'è accaduto con l'indagine svolta dal giudice sudafricano Richard Goldstone sull'invasione di Gaza.
In Sudamerica, i media presentano il Brasile come presuntamente "indipendente", ancor più dopo che Lula si è recato in Israele sostenendo una politica definita "di pace". Ma la verità è che Israele è l'unica nazione fuori dell'area con cui i paesi del Mercosur (Argentina, Brasile, Paraguay e Uruguay) hanno firmato un Trattato di Libero Commercio (Tlc). In tal modo, questi governi (alcuni dei quali si definiscono di "sinistra"), quantunque facciano discorsi in favore della pace, concedono spazio commerciale e politico a Israele contribuendo a indebolire il suo isolamento internazionale e rafforzando invece le sue aggressioni ai danni del popolo palestinese. Facciamo appello a sviluppare una campagna in questi paesi per esigere dai governi di Lula, Kirchner, Lugo e Mújica, la rottura immediata delle relazioni diplomatiche e commerciali e dell'accordo del Mercosur con Israele.
Come abbiamo già detto, siamo in un momento in cui l'azione internazionale può ottenere risultati effettivi nell'indebolimento di Israele. All'opera!

 

Tutto il nostro appoggio e solidarietà alla lotta del popolo palestinese!

Per la fine immediata del criminale embargo a Gaza!

Esigiamo dai governi l'immediata rottura delle relazioni diplomatiche e commerciali con Israele!

Sosteniamo una grande campagna di boicottaggio a Israele in tutto il mondo!

Per la fine dello Stato d'Israele! Per una Palestina laica, democratica e non razzista!

Iscrizione Newsletter

Iscrizione Newsletter

Compila il modulo per iscriverti alla nostra newsletter - I campi contrassegnati da sono obbligatori.


Il campo per collaborare col partito è opzionale

 

Campagne ed Iniziative





campagna

tesseramento 2024

 






Il libro sulla lotta in Alitalia

 




MODENA

DOMENICA 14-4


16 marzo

Milano

 


21 febbraio: zoom nazionale

 

 


4 febbraio

Bari


 

21 gennaio

formazione

 


31 dicembre

Bari


giovedì 21 dicembre

modena


domenica 17 dicembre

Cremona

 

 
 
 

 
4 dicembre
 
 

 
 16 ottobre ore 20.45
 
 

Cremona

sabato 14 ottobre ore 1530

 
 
 1-8-15 ottobre
 
 

 
festa in baracca
Cremona
 

 
martedì 27 giugno
zoom Milano
 
 
 

 
 
17 maggio
zoom nazionale su Marx
 
 
 

 

 

Lega Internazionale dei Lavoratori - Quarta Internazionale

NEWS Progetto Comunista n 131

NEWS Trotskismo Oggi n 22

Ultimi Video

tv del pdac