Partito di Alternativa Comunista

Contro la finanziaria antioperaia

Sciopero generale contro la finanziaria e il governo amico dei padroni    

di Pia Gigli
 
 
La finanziaria del governo Prodi mostra il suo segno di classe. E' una finanziaria di Maastricht a tutto vantaggio delle imprese, che penalizzerà pensionati, lavoratori, giovani. Con questa manovra i padroni avranno in tasca più della metà del cuneo fiscale che significa sconti sull'Irap, deduzioni sui dipendenti, rimborsi IVA.  

 

Per le masse popolari la finanziaria rappresenta: tagli alla sanità e introduzione dei ticket; tagli alla scuola e all'università; aumento delle spese militari per sostenere il ruolo dell'Italia nella costruzione del polo imperialistico europeo; rinnovo su più anni dei contratti del pubblico impiego con penalizzazioni dal punto di vista salariale; perdita, nei prossimi anni, di posti di lavoro nella scuola; nessun reale provvedimento contro il precariato; aumento dei contributi previdenziali per tutti i lavoratori; anticipazione della previdenza complementare (fondi pensione) con quella parte del Tfr che non andrà all'Inps per finanziare le grandi opere.
 
I vantaggi del "riequilibrio fiscale" tanto sbandierato dal governo e soprattutto dal Prc, sono di lievissima entità e non per tutti coloro che ne avrebbero bisogno (come ha dimostrato perfino Draghi) e per di più saranno annullati dall'aumento delle tariffe di energia elettrica, gas, benzina e dall'inevitabile aumento della tassazione locale (addizionali Irpef, Ici, tasse sui servizi che ben connotano l'introduzione del  federalismo fiscale) a fronte del taglio dei fondi agli enti locali che non avrà sollievo dai 600 milioni dei euro recuperati recentemente al tavolo enti locali-governo.
 
Di fronte a tutto ciò l'ingordigia dei padroni non ha limiti. In questi giorni gli industriali e in particolare le piccole e medie imprese tentano di recuperare anche quel 50% del Tfr inoptato (salario differito dei lavoratori) che il governo ha destinato all'Inps per fare cassa. Scendono in piazza i professionisti. Fioccano le critiche da destra alla finanziaria: Montezemolo, Draghi, i cosiddetti ceti medi produttivi rivendicano la mancanza in questa finanziaria di "vere riforme strutturali" che significano risparmi sulla previdenza e sulla pubblica amministrazione. Quelle riforme strutturali che Padoa Schioppa e Cgil, Cisl e Uil hanno deciso di rimandare, pena la inaccettabilità sociale della manovra, ma che si faranno da gennaio in poi. Si parla di una nuova concertazione per un nuovo modello contrattuale e per una riforma della previdenza già tracciata nel recente Memorandum firmato da sindacati e governo che prevede un aumento dell'età pensionabile e la revisione dei coefficienti pensionistici.
Emerge il ruolo tutto politico di Padoa Schioppa che si fa garante di quell'asse Prodi-sindacati-sinistra radicale per la tenuta di questo governo in contrapposizione ad un asse liberal-riformista interno alla maggioranza che fa prove di approccio bipartisan attraverso il "tavolo dei volenterosi".
 
La Cgil con Epifani continua a emettere un giudizio positivo sulla finanziaria evidenziando "i contenuti di risanamento, di redistribuzione e di sostegno allo sviluppo". Le burocrazie della cosiddetta sinistra radicale e dei sindacati concertativi tenteranno di apportare qualche piccolo aggiustamento alla finanziaria in sede parlamentare, ma complessivamente stanno svolgendo il ruolo di "silenziatore" all'insoddisfazione che la manovra sta producendo tra la classe lavoratrice e tra le masse popolari.
Il Prc continua a perseguire la politica della "riduzione del danno". Dopo aver affermato "no ad una finanziaria in contrasto con i sindacati" e dopo aver fallito sulla richiesta di una riduzione della sua entità (che invece è arrivata fino 34,7 miliardi) e della sua dilazione in due anni, accetta la manovra per il suo "accentuato carattere redistributivo"e "di giustizia sociale", facendo credere ai sui iscritti e al suo elettorato che questa sarebbe un'inversione di tendenza rispetto alla "rivincita del capitale sul lavoro" del precedente governo di centrodestra.
Le aree critiche interne di Rifondazione (Ernesto e Sinistra critica) continuano a giocare il ruolo che si sono assegnate da tempo: manifestano la critica ad alcuni aspetti della manovra che pensano poi di attutire, illudendo così la propria base, attraverso l'azione parlamentare e "auspicano" un' "iniziativa diffusa e di massa della società", in una logica emendativa ("di governo") e di pressione ("di lotta") che certamente non metterà in discussione l'impostazione di classe della finanziaria e che soprattutto non farà vacillare di un millimetro il governo Prodi, di cui le stesse aree critiche fanno parte e a cui a più riprese hanno dato prova di lealtà, e al quale il Prc è ben lontano dal porre ultimatum.
 
Di fronte a questo governo dei capitalisti e dei banchieri ed alle sue leggi finanziarie, di fronte al compromesso di classe messo in atto dai partiti della cosiddetta sinistra "radicale" e di fronte alla concertazione delle burocrazie sindacali con i padroni ed il governo, è necessario e urgente che la sinistra sindacale e di classe, i lavoratori, i disoccupati, i pensionati rispondano con uno sciopero generale contro la finanziaria e contro il governo.
E' l'appello ad un fronte unico di classe e di lotta che PC-Rol vuole continuare a lanciare.
Oggi su questa parola d'ordine convergono diverse organizzazioni sindacali di base come la Cub, Confederazione Cobas, Slai Cobas, Usi, Usi Ait, A.L.Cobas che si stanno già mobilitando per uno sciopero generale per il 17 novembre.
Promuoviamo quest'appuntamento di lotta e proponiamo,nello stesso tempo, che lo sciopero preveda anche una manifestazione nazionale a Roma, da prepararsi attraverso la costituzione di "comitati di sciopero contro la finanziaria" con assemblee nei luoghi di lavoro. Riteniamo che la Rete 28 aprile-sinistra sindacale in CGIL, che attraverso i suoi portavoce ha manifestato critiche alla finanziaria ed al percorso concertativo di Epifani e della maggioranza del direttivo nazionale CGIL, debba essere conseguente superando ogni ambiguità e la mera  logica contrappositiva interna, pronunciandosi con chiarezza sullo sciopero generale dando corpo al dissenso dei tanti lavoratori che non accettano questa finanziaria e questo governo. Un malessere ed un dissenso testimoniato già dai considerevoli consensi ottenuti tra delegati e lavoratori su un ordine del giorno per lo sciopero generale, presentato nei direttivi di categoria dai militanti della sinistra di classe in Cgil che fanno riferimento alla Rete 28 aprile.
 
I compagni di PC-Rol impegnati, sia nella Rete28 aprile che nei sindacati di base, nella preparazione dello sciopero generale del 17 novembre contro la finanziaria ed il governo, affermano la necessità che a partire da questa mobilitazione, il fronte di lotta si unifichi attorno a una vertenza generale che rivendichi: l'aumento dei salari e delle pensioni, la reintroduzione della scala mobile, il salario garantito ai disoccupati, la stabilizzazione dei precari e l'abolizione della legge 30 e del pacchetto Treu, la difesa e il rilancio di sanità, previdenza, scuola e università pubbliche, la salvaguardia e l'estensione dei diritti e delle tutele sindacali nei posti di lavoro, il ritiro immediato di tutti i militari italiani da Irak, Afghanistan, Libano e da tutte le altre missioni.      

Iscrizione Newsletter

Iscrizione Newsletter

Compila il modulo per iscriverti alla nostra newsletter - I campi contrassegnati da sono obbligatori.


Il campo per collaborare col partito è opzionale

 

Campagne ed Iniziative





campagna

tesseramento 2024

 






Il libro sulla lotta in Alitalia

 il libro che serve per capire Lenin

 

perchè comprare

la loromorale e lanostra




23 maggio

Cremona


MODENA

DOMENICA 14-4


16 marzo

Milano

 

 

 

 

Lega Internazionale dei Lavoratori - Quarta Internazionale

NEWS Progetto Comunista n 131

NEWS Trotskismo Oggi n 22

Ultimi Video

tv del pdac