Partito di Alternativa Comunista

I lavavetri: ultima ruota del carro capitalista

I lavavetri: ultima ruota del carro capitalista
L’infame attacco agli ultimi della società
 
 
di Enrica Franco
 
Dalla scorsa primavera stiamo assistendo allo strisciante sviluppo del “razzismo di sinistra”, sentimento di cui fu orgoglioso precursore Sergio Cofferati, incoraggiato da una poderosa campagna mediatica del quotidiano la Repubblica.
La campagna mediatica ebbe inizio con la pubblicazione di una lettera di un “brav’uomo di sinistra” che si dichiarava apertamente razzista e che otteneva, dalle colonne del quotidiano, la solidarietà di tanti illustri “compagni”, per poi proseguire addirittura con varie comparsate televisive dove si riuscì ad ottenere anche l’incondizionata solidarietà del vasto pubblico. Il leitmotiv dell’attacco era l’equiparazione dell’immigrato al delinquente o, come minimo, all’incivile: “Come non diventare razzisti di fronte ad una giovane immigrata che non cede il suo posto in autobus ad una vecchietta italiana?”. Era questo uno degli esempi riportati dal “brav’uomo” che, evidentemente, non aveva posto lo stesso sguardo incriminante sui giovani dal viso pallido, altrimenti forse si sarebbe potuto definire semplicemente intollerante verso i maleducati più che razzista!
 
Il disegno di legge Amato - Ferrero ed il pacchetto sicurezza di Amato
Questo gran polverone è servito a giustificare le varie misure repressive che il governo stava per adottare di lì a poco. Dopo le conclusioni della Commissione De Mistura sui Cpt, che ha escluso la chiusura dei Centri e ne ha anzi rilanciato la necessità, i ministri Amato e Ferrero hanno presentato il disegno di legge delega sull’immigrazione che apporta solo blande modifiche alla Bossi-Fini; tra queste ricordiamo la nascita di una corsia preferenziale per gli ingressi di immigrati facoltosi, oltre alla possibilità per gli immigrati benestanti di utilizzare il proprio patrimonio bancario come garanzia per un anno di permanenza in Italia. Gli immigrati operai invece dovrebbero continuare ad iscriversi alle liste delle ambasciate, ma non prima di aver dimostrato una buona conoscenza della lingua, della cultura e della Costituzione italiane! Peccato che poi gli imprenditori preferiscano assumere uno straniero entrato in Italia con permesso turistico piuttosto cha attingere a delle liste di ambasciate. Le altre poche modifiche sono puramente di facciata e non intaccano minimamente i pilastri della legge precedente.
A fine estate arriva poi la direttiva Amato-Mastella che regolamenta le espulsioni degli immigrati arrestati: l’immigrato scarcerato non verrà più trasferito nel Cpt ma in un altro penitenziario, per poi essere infine immediatamente espulso. Visto che i Cpt vengono comunemente equiparati alle galere, perché non tagliare la testa al toro e lasciarli direttamente marcire in prigione anche se hanno già finito di scontare la loro pena? Le violazioni dei diritti nei confronti degli stranieri ormai non sembrano più scandalizzare, l’equiparazione straniero delinquente è così radicata che sembra normale trattenere in galera un uomo che ha già scontato la sua pena. Il concetto stesso di rimpatrio forzato poi non scandalizza minimamente il "popolo di sinistra", in fondo stiamo parlando di delinquenti e clandestini, persone che forse accetterebbero volentieri un lavoro per vivere serenamente, ma non importa perché preferiamo rispedirli in Paesi lontani e non occuparcene più, l’antirazzismo e la solidarietà sono concetti così antiquati e lontani dalla “sinistra moderna”, ora il nuovo valore comune è la legalità.
 
Lavavetri, rom ed ambulanti: ultima ruota del carro capitalista
E’ su questa ondata che nasce il "pacchetto sicurezza" del ministro Amato dove si parla in particolare di venditori ambulanti, mendicanti, lavavetri e graffitari... insomma le vere piaghe dell’Italia, altro che mafia!
L’impegno principale del ministro degli Interni sarà proprio quello di ripulire le strade delle nostre città da questi “delinquenti” che vendono merci contraffatte, cd masterizzati e altri piccoli prodotti al dettaglio. Se il ministro non si ponesse questo compito “rischieremmo una svolta fascista”, ha detto proprio così Giuliano Amato per giustificare la sua linea dura nei confronti degli immigrati.
Il ministro Amato non è l’unico esponente del centrosinistra ad essersi posto sulla scia di Fini e del leghista Bossi; oltre al già citato sceriffo Cofferati e al “comunista” Ferrero, si sono sollevati gli scudi anche dei sindaci delle principali città italiane, da Domenici a Veltroni a Chiamparino, facendo impallidire la povera Letizia Moratti!
In queste ultime settimane è infatti scoppiato il caso “lavavetri” provocato dal sindaco di Firenze Domenici che, in un eccesso di “entusiasmo”, aveva deciso di metterli tutti in galera, tranne poi essere bloccato dal procuratore capo di Firenze. Così, non contento, il sindaco è arrivato a chiedere più poteri di polizia; con questa mossa la Lega era davvero fuori gioco! La discussione, seppur a tratti comica come per la proposta di Alfonso Gianni (Prc) di istituire un albo dei lavavetri (sic), ha rinfocolato l’odio verso gli extracomunitari rendendoli degli ottimi capri espiatori.
Prima dei lavavetri era toccato ai rom con la loro progressiva ghettizzazione nelle principali città. Capofila di questa ennesima (e infame) crociata fu il sindaco di Roma Walter Veltroni.
Questa deriva xenofoba serve ad occultare i veri problemi del Paese: dagli aumenti dei beni di prima necessità (pane, acqua, latte) alla discussione sul pacchetto welfare, incanalando la rabbia dei lavoratori contro i sottoproletari. E mentre i lavoratori non riescono ad arrivare alla fine del mese e perdono qualsiasi minimo diritto, come la pensione, gli immigrati vengono trattati come delinquenti, rinchiusi nei Cpt superaffollati e deportati in massa.
Quest’estate il Cpt di Bari è stato teatro di diversi tentativi di fughe e brutali repressioni ma nonostante questo Ferrero, il ministro di Rifondazione Comunista, si ritiene soddisfatto del suo disegno di legge delega che non abolisce ma anzi rilancia i lager per stranieri.
Se fino a poco tempo fa in molti ponevano speranze in questo governo, ora  bisognerà ammettere che il tempo ci ha dato ragione: il governo di centrosinistra si è rivelato un governo dei padroni esattamente come quello di centro-destra e la sinistra radicale, che tenta di lanciare qualche slogan propagandistico, non fa altro che sottoscrivere tutte le leggi antioperaie, razziste e discriminanti di questo governo.
Perché gli immigrati possano circolare liberamente e possano avere il diritto a un lavoro e a una casa c’è bisogno di un’alternativa vera: è con questa prospettiva che dobbiamo animare il prossimo autunno di lotte.
I lavoratori italiani e quelli stranieri devono unire le forze per far cadere questo governo dei padroni.

Iscrizione Newsletter

Iscrizione Newsletter

Compila il modulo per iscriverti alla nostra newsletter - I campi contrassegnati da sono obbligatori.


Il campo per collaborare col partito è opzionale

 

Campagne ed Iniziative





campagna

tesseramento 2024

 






Il libro sulla lotta in Alitalia

 il libro che serve per capire Lenin

 

perchè comprare

la loromorale e lanostra




23 maggio

Cremona


MODENA

DOMENICA 14-4


16 marzo

Milano

 

 

 

 

Lega Internazionale dei Lavoratori - Quarta Internazionale

NEWS Progetto Comunista n 131

NEWS Trotskismo Oggi n 22

Ultimi Video

tv del pdac