Partito di Alternativa Comunista

LA BATTAGLIA PER IL SINDACATO DI CLASSE

LA BATTAGLIA PER IL SINDACATO DI CLASSE

 
Roma, 23 ottobre, piazza S. Giovanni: sciopero generale indetto dal sindacalismo di base
 
 
Nell'ultimo periodo si sono verificate alcune importanti novità nell'ambito sindacale, dall'avvio di un processo di unificazione di una parte del sindacalismo di base alla nascita di un dibatitto nella Rete 28 aprile in vista del congresso della Cgil. In entrambi gli ambiti sono stati prodotti, da attivisti di diverso orientamento, due contributi importanti cui hanno contribuito anche militanti di Alternativa Comunista. E' utile, quale premessa indispensabile ai fini dello sviluppo delle lotte che si affacciano sulla spinta della crisi del capitalismo, approfondire il senso dell'intervento dei comunisti nel sindacato.
 
sindacato di classe

Esiste un solo mezzo per porre fine allo sfruttamento del lavoro da parte del capitale: abbattere il capitalismo, quindi abolire la proprietà privata dei mezzi di produzione e sostituirla con la proprietà collettiva. In tempo di crisi, le contraddizioni del capitalismo si fanno sentire in modo più acuto: disoccupazione di massa, miseria, guerre. Non è possibile mettere pezze a un sistema economico che presenta falle ovunque e che mostra chiaramente il proprio stato di decomposizione avanzato. L'abbattimento del capitalismo è quindi il fine verso cui deve essere volto l'intervento dei comunisti nel sindacato, nella consapevolezza che "i sindacati non sono un fine in sé, ma solo semplici strumenti lungo la strada che conduce alla rivoluzione proletaria" (Lev Trotsky, Programma di transizione).
 
Sindacati e capitalismo 
Per comprendere quale deve essere il corretto approccio dei rivoluzionari alla questione sindacale - cioè per capire come i rivoluzionari devono intervenire nei sindacati - è necessario comprendere il ruolo dei sindacati nella nostra epoca. E' evidente - e Trotsky lo ha ben illustrato in uno degli ultimi suoi scritti scritto poco prima di morire ucciso da un sicario di Stalin, I sindacati nell'epoca del declino imperialista - che i sindacati, nell'imperialismo, non sono paragonabili ai sindacati dell'epoca della libera concorrenza. L'imperialismo si caratterizza per il monopolio e per la concentrazione dei capitali: questo implica uno stretto legame con il potere statale, che si riflette anche sul versante sindacale. I sindacati hanno la necessità di adattarsi alla proprietà privata dei mezzi di produzione e di collocarsi su posizioni "riformiste": lo scopo delle burocrazie è quello di garantire l'autoconservazione, in cambio di qualche briciola per i lavoratori meglio garantiti.
Nei periodi - come il nostro - in cui la crisi si acuisce, si restringono gli spazi di democrazia sindacale e i grandi gruppi capitalistici sono sempre meno disposti ad accettare qualsiasi forma di "autonomia" dei sindacati dai loro interessi: ai sindacati viene richiesto di "rimboccarsi le maniche" e di diventare, in cambio di qualche briciola, gli agenti politici della borghesia. E' quello che sta accadendo anche nel nostro Paese: non solo i "sindacati gialli" Cisl e Uil, ma ora anche la burocrazia che dirige la Cgil, per voce di Epifani, dopo aver battuto i pugni per essere stata esclusa dai tavoli di concertazione, torna a indossare i panni di guardia del corpo dei profitti capitalistici. Lo stesso Presidente di Confindustria, Emma Marcegaglia (settembre 2009), lo ha dichiarato con chiarezza: la burocrazia Cgil, quella della Fiom inclusa (Rinaldini), si sta comportando benissimo ed è grazie ad Epifani se milioni di licenziamenti non si sono ancora tramutati in un'esplosione sociale di vasta portata come in altri Paesi. In particolare, lo stretto legame tra Stato, grande capitale e organizzazioni sindacali trova espressione soprattutto nell'utilizzo su ampia scala dei cosiddetti "ammortizzatori sociali" (in primo luogo la cassa integrazione, che, ormai anche agli occhi dei lavoratori, è sempre più spesso l'anticamera della disoccupazione), che svolgono di fatto il ruolo di "ammortizzatori del conflitto".
 
L'intervento dei comunisti
Ovviamente nessun sindacato, nemmeno un sindacato (e non esiste oggi in Italia) che si ponga esplicitamente il compito di abbattere il capitalismo, può sostituire il partito. Il modo stesso in cui avviene l'adesione a un sindacato - senza distinzioni tra attivisti e non attivisti, senza adesione a un programma - implica l'impossibilità che un sindacato si doti di un programma rivoluzionario compiuto. Inoltre, i sindacati raggruppano necessariamente una piccola parte della classe lavoratrice: gli strati più oppressi (e maggioritari) della classe lavoratrice vengono trascinati nella lotta nei momenti di eccezionale risveglio: in questi casi sorgono organizzazioni che vanno oltre i sindacati: comitati di lotta, comitati di sciopero, comitati di fabbrica, ecc. In questi frangenti, i rivoluzionari devono sempre battersi per la costruzione di organizzazioni militanti indipendenti anche dagli stessi sindacati.
Ciò non toglie che è dovere di ogni comunista intervenire nei sindacati. Anzi, come spiega bene Trotsky nello scritto sui sindacati nell'imperialismo, oggi "l'intervento nei sindacati (...) diventa in un certo senso più importante che mai per un partito rivoluzionario (...) la posta in gioco è la lotta per l'influenza sulla classe operaia". Del resto la necessità che i rivoluzionari intervengano nei sindacati - finanche nei sindacati "reazionari", era già stata posta ed elaborata da Lenin e ribadita dall'Internazionale comunista delle origini, con lo scopo di sottrarne ampi settori all'influenze delle burocrazie dirigenti.
E' a partire da questo patrimonio teorico, tattico e programmatico che il Partito di Alternativa Comunista - consapevole delle proprie poche, ma compatte, forze - ha elaborato e applicato una tattica di intervento sindacale che vede impegnati attivisti del Partito sia nella Cgil (la principale confederazione, i cui vertici sono legati al PD) sia nel cosiddetto sindacalismo di base (Cub-RdB, Conf. Cobas, SdL, Slai Cobas). Più in particolare, nella Cgil gli attivisti del PdAC si sono collocati nella Rete 28 aprile (la componente di sinistra in Cgil, che al prossimo congresso nelle intenzioni del leader Cremaschi dovrebbe fare blocco con le burocrazie di Fiom e Funzione pubblica). In questa collocazione, la nostra battaglia si è fin dall'inizio articolata nella prospettiva della costruzione di un sindacato di classe, contro la linea concertativa e di collaborazione di classe della maggioranza, ma anche per una svolta nella Rete 28 aprile stessa in termini programmatici e organizzativi. I punti essenziali a cui si è da sempre ispirata la battaglia degli attivisti del PdAC in Cgil sono riassunti in un documento elaborato come contributo al dibattito congressuale nella Rete 28 Aprile dai nostri compagni insieme ad altri attivisti della Rete e diffuso lo scorso agosto in occasione di un incontro nazionale della Rete. Il testo è consultabile a questo indirizzo: www.areaclassistacgil.org
Per quanto riguarda il sindacalismo di base, i militanti del nostro Partito sono attivi in particolare (ma non esclusivamente) nella Confederazione Cub (la principale confederazione a sinistra della Cgil, di cui la parte maggioritaria è organizzata nel pubblico impiego come RdB-Cub). La Confederazione Cub ha conosciuto di recente un processo di scomposizione che ha portato a una frattura: la parte maggioritaria della Confederazione ha deciso di intraprendere un processo di unificazione con altri settori del sindacalismo di base (SdL anzitutto, ma in prospettiva anche lo Slai Cobas), mentre una parte, minoritaria, è rimasta al di fuori di questo progetto. Nella Cub l'intervento degli attivisti di Alternativa Comunista si caratterizza per una battaglia per l'unificazione del sindacalismo di base, per la costruzione del sindacato di classe sulla base di una piattaforma rivendicativa anticapitalista, per la democrazia interna. In particolare, nella decisione di partecipare alla costituente del nuovo sindacato che nascerà dalla fusione tra i settori maggioritari della Cub e SdL, i nostri attivisti hanno sottoscritto e condiviso un contributo diffuso da attivisti Cub di diverse categorie in occasione dell'assemblea nazionale costituente dello scorso maggio. Il testo si può leggere qui: www.sindacatodiclasse.org/documenti.htm
Il nostro impegno per la costruzione di un sindacato di classe e di massa nel nostro Paese continuerà, nella convinzione che sia necessario realizzare il coordinamento e l'unità d'azione del sindacalismo di base e dei settori classisti in Cgil. Oggi più che mai - di fronte agli attacchi sempre più pesanti del padronato, di fronte al licenziamento di milioni di lavoratori, di fronte all'inasprimento delle misure repressive nei confronti della classe lavoratrice - occorre battersi per sottrarre i lavoratori dal peso delle burocrazie sindacali e per la costruzione di un sindacato che sia espressione della contrapposizione delle masse lavoratrici contro il capitale (cioè basato sull'indipendenza di classe dalla borghesia, dal suo Stato, dai suoi governi); che faccia della lotta ad oltranza lo strumento privilegiato del suo operare; che miri al rovesciamento degli attuali rapporti di forza, a partire dalla difesa degli interessi della classe lavoratrice. A questo scopo, fin da subito occorre coordinare e sviluppare in senso anticapitalistico le lotte dell'autunno.
 
Dipartimento sindacale del Partito di Alternativa Comunista
 

Iscrizione Newsletter

Iscrizione Newsletter

Compila il modulo per iscriverti alla nostra newsletter - I campi contrassegnati da sono obbligatori.


Il campo per collaborare col partito è opzionale

 

Campagne ed Iniziative





campagna

tesseramento 2024

 






Il libro sulla lotta in Alitalia

 




MODENA

DOMENICA 14-4


16 marzo

Milano

 


21 febbraio: zoom nazionale

 

 


4 febbraio

Bari


 

21 gennaio

formazione

 


31 dicembre

Bari


giovedì 21 dicembre

modena


domenica 17 dicembre

Cremona

 

 
 
 

 
4 dicembre
 
 

 
 16 ottobre ore 20.45
 
 

Cremona

sabato 14 ottobre ore 1530

 
 
 1-8-15 ottobre
 
 

 
festa in baracca
Cremona
 

 
martedì 27 giugno
zoom Milano
 
 
 

 
 
17 maggio
zoom nazionale su Marx
 
 
 

 

 

Lega Internazionale dei Lavoratori - Quarta Internazionale

NEWS Progetto Comunista n 131

NEWS Trotskismo Oggi n 22

Ultimi Video

tv del pdac