Partito di Alternativa Comunista

LAVORATORI IMMIGRATI E ITALIANI STESSA CLASSE, STESSA LOTTA

LAVORATORI IMMIGRATI E ITALIANI STESSA CLASSE, STESSA LOTTA

Roma invasa di lavoratori immigrati e nativi. La manifestazione di sabato 17 ottobre ha aperto l'autunno delle lotte.
Si prosegue venerdì 23 con lo sciopero generale indetto dal sindacalismo di base.
Qui sotto il volantino distribuito dai militanti del Pdac alla manifestazione di sabato e qualche foto (altre foto, a breve, nella apposita sezione del nostro sito web).
 


 
manif immigrati 09-1
Le politiche dell’immigrazione dei governi di centrodestra e di centrosinistra degli ultimi 15 anni rappresentano un attacco profondo non soltanto ai lavoratori immigrati ma alla classe lavoratrice nel suo insieme. Le leggi di questi governi (Turco-Napolitano, Bossi-Fini, Pacchetto sicurezza) hanno la funzione di rendere sempre più debole e ricattabile la forza lavoro immigrata, consentendo le peggiori forme di sfruttamento, di lavoro nero, caporalato ecc. Allo stesso tempo vogliono criminalizzare gli immigrati in nome della “sicurezza” dei "cittadini" italiani. Il governo Prodi (con Ferrero, l'attuale segretario del Prc, ministro) ha dato speciali poteri ai sindaci contro i lavavetri e gli ambulanti, non ha certo tolto di mezzo la Bossi Fini e ha gettato le basi, con le misure contro Rom e rumeni, dell'attuale Pacchetto sicurezza del governo Berlusconi. Oggi l’introduzione del reato di clandestinità rende i lavoratori immigrati “non persone”, esposti in ogni momento alla possibilità di  denuncia (nelle scuole, negli ospedali, negli uffici anagrafici) con conseguente reclusione nei Cie (la detenzione aumenta fino a sei mesi), ed espulsione. Le loro politiche di sicurezza contro l’immigrazione clandestina si stanno realizzando anche con i respingimenti degli immigrati alle frontiere, grazie agli accordi bilaterali con paesi terzi come la Libia: accordi già stabiliti dal governo Prodi e perfezionati dal governo Berlusconi.
La verità è che i padroni hanno bisogno dei lavoratori immigrati, ma li vogliono  esclusivamente come braccia da lavoro, ricattabili, spogliati di ogni diritto. Ciò comporta che per tutta la classe lavoratrice vi è una perdita di diritti, in un crudele gioco al ribasso.
La crisi economica rende più acute le contraddizioni del sistema capitalistico. Il disagio sociale creato da disoccupazione, licenziamenti, precarietà, bassi salari, mancanza di alloggio dignitoso, difficoltà ad accedere ai servizi sociali sempre più privatizzati, è incanalato dalla borghesia e dai suoi governi verso una lotta interna alla classe lavoratrice che vede contrapposti lavoratori italiani ed immigrati e porta così a episodi di intolleranza e di razzismo, oltre che al riemergere di rigurgiti neofascisti. Ma gli attacchi ai lavoratori immigrati, pur specifici nella loro violenza, sono parte dell’attacco più generale del governo e del padronato a tutta la classe operaia. Per battere questo disegno ed il razzismo e la xenofobia da esso scatenato è quindi necessario costruire una forte unità di classe tra tutti i lavoratori italiani e immigrati. E’ necessario unificare le lotte che stanno crescendo nel Paese, rompere la frammentarietà della classe lavoratrice, per dire chiaramente che i lavoratori, senza distinzione di nazionalità, non vogliono pagare la crisi del sistema capitalistico e per questo rivendicano:
 
* aumenti salariali per tutti;
* esproprio senza indennizzo e sotto controllo operaio delle fabbriche che licenziano operai di ogni nazionalità;
* assunzione di tutti i disoccupati, italiani e immigrati, con riduzione delle ore lavorative (a parità di salario) dei lavoratori assunti;
* regolarizzazione di tutti i lavoratori "in nero";
* permesso di soggiorno senza condizioni;
* cancellazione di tutte le leggi che rendono il lavoro precario; 
* diritto alla casa e ai servizi sociali gratuiti per i lavoratori italiani e immigrati;
* diritto di voto, diritto all'asilo senza condizioni e diritto alla cittadinanza immediata per i figli dei lavoratori immigrati;
* unità internazionale dei lavoratori contro le ristrutturazioni capitalistiche e contro le politiche razziste e neocoloniali dei paesi imperialisti, per la  chiusura dei centri di detenzione e contro i respingimenti alle frontiere;
* creazione di comitati di lavoratori immigrati e italiani nei luoghi di lavoro e nei quartieri per organizzare le lotte e l’autodifesa contro ogni forma di xenofobia e razzismo.
 
 
manifestaz 09-2

 
 
manifestaz immg 09-3

 

Iscrizione Newsletter

Iscrizione Newsletter

Compila il modulo per iscriverti alla nostra newsletter - I campi contrassegnati da sono obbligatori.


Il campo per collaborare col partito è opzionale

 

Campagne ed Iniziative





campagna

tesseramento 2024

 






Il libro sulla lotta in Alitalia

 




MODENA

DOMENICA 14-4


16 marzo

Milano

 


21 febbraio: zoom nazionale

 

 


4 febbraio

Bari


 

21 gennaio

formazione

 


31 dicembre

Bari


giovedì 21 dicembre

modena


domenica 17 dicembre

Cremona

 

 
 
 

 
4 dicembre
 
 

 
 16 ottobre ore 20.45
 
 

Cremona

sabato 14 ottobre ore 1530

 
 
 1-8-15 ottobre
 
 

 
festa in baracca
Cremona
 

 
martedì 27 giugno
zoom Milano
 
 
 

 
 
17 maggio
zoom nazionale su Marx
 
 
 

 

 

Lega Internazionale dei Lavoratori - Quarta Internazionale

NEWS Progetto Comunista n 131

NEWS Trotskismo Oggi n 22

Ultimi Video

tv del pdac