Partito di Alternativa Comunista

Venezia manifestazione contro il centro destra

 

 In difesa dei diritti della donna

Sabato 7 ottobre si è svolta a Venezia la manifestazione contro l'intento della maggioranza di centrodestra alla regione Veneto (Forza Italia, Udc, Lega Nord) di approvare la proposta di legge regionale n°3, di iniziativa popolare, promossa dal "movimento per la vita", un movimento reazionario fondamentalista cattolico.

L'approvazione di questa legge sarebbe un grave colpo alla L. 194, relativa all'interruzione di gravidanza: l'ennesima erosione delle libertà civili.

La legge, se approvata, imporrebbe la presenza di esponenti del movimento cattolico nei consultori familiari, nelle sale d'attesa e nelle corsie ospedaliere in modo tale da condizionare e limitare la scelta di autodeterminazione delle donne in situazioni delicate. Questo in una regione dove l'80% dei medici si dichiara obiettore.

La manifestazione ha visto la presenza di un migliaio di partecipanti. Progetto Comunista  Rifondare l'opposizione dei lavoratori ha partecipato alla manifestazione con le proprie bandiere e distribuito un proprio volantino in difesa delle donne contro le oppressioni doppie. Di seguito il volantino.

 

Marceca Antonino

 


 

IN DIFESA DELLE DONNE


Mobilitiamoci contro la proposta di legge n. 3, fatta propria dalla maggioranza di centrodesta al governo nella Regione Veneto che da spazio alle associazioni antiaboriste nei consultori, negli ospedali pubblici e privati, nei reparti maternità. Contro il principio di sussidiarietà, indicato nelle linee programmatiche dell'Unione (centrosinistra), che assicura la presenza paritetica nei consultori di associazioni laiche e cattoliche. Contro la proposta di legge finanziaria che con i suoi tagli al sistema sanitario nazionale impedisce realmente il funzionamento dei consultori soprattutto riguardo alla loro funzione di informazione, prevenzione, sostegno alle donne per una maternità responsabile.

Difendiamo la 194, la legge che ha legalizzato l'aborto in Italia nel 1978, riducendo drasticamente le pratiche clandestine; la legge  che ha affermato il primato decisionale della donna in tema di procreazione e ha prodotto una riduzione del 40% delle interruzioni di gravidanza.

Rivendichiamo un pieno e cosciente controllo della sessualità e della procreazione da parte delle donne proletarie e delle donne migranti all'interno di una più generale battaglia per l'affermazione di migliori condizioni materiali di vita e di lavoro attraverso la piena occupazione contro tutte le leggi precarizzanti;  aumenti salariali;  un salario sociale a chi non ha lavoro ed è in cerca di occupazione;  servizi pubblici, sanitari e sociali, gratuiti e garantiti a tutti.

Contro la doppia oppressione di genere e di classe difendiamo l'autodeterminazionedelle donne in un processo di emancipazione della classe lavoratrice, per una alternativa di società e di potere: per il socialismo.

 

Venezia 06.10.2006

Iscrizione Newsletter

Iscrizione Newsletter

Compila il modulo per iscriverti alla nostra newsletter - I campi contrassegnati da sono obbligatori.


Il campo per collaborare col partito è opzionale

 

Appuntamenti





campagna

tesseramento 2022

 






Il libro sulla lotta in Alitalia

 




Modena, 9 luglio

 


 16 giugno zoom nazionale 

 

 


sabato 28 maggio Cremona

 


martedì 17 maggio

 

 


 

Giovedì 28 aprile 

ROMA

 


Giovedì 21 aprile:

zoom nazionale sulla Resistenza

 


 

14 APRILE MILANO

ASSEMBLEA ZOOM

 


LUNEDI' 28 MARZO 

ASSEMBLEA ZOOM

 

 


 mercoledì 23 marzo

 


 

Lega Internazionale dei Lavoratori - Quarta Internazionale

NEWS Progetto Comunista n 115

NEWS Trotskismo Oggi n 20

Ultimi Video

tv del pdac