Partito di Alternativa Comunista

Verona, elezioni di maggio

Verona, elezioni di maggio

IMMIGRATO AFRICANO, OPERAIO, COMUNISTA

Il candidato sindaco con la falce e martello nella città della Lega Nord

 

 

 

barry

 

Come riportato stamattina dalla stampa nazionale e locale (di "sfida" a Tosi parla il Corriere della Sera di oggi; "Verona, la sfida di Ibrahima a Tosi. E' il primo immigrato candidato sindaco", Corriere del Veneto; "Io con i più deboli. Barry l'immigrato lancia la sfida a Tosi", L'Arena; "Alternativa Comunista lancia il candidato immigrato" Verona Sera, ecc.) ieri a Verona il Pdac ha depositato la propria lista per le amministrative di maggio. Candidato sindaco per la prima volta nel nostro Paese un operaio immigrato, di origine africana, comunista. E questo avviene a Verona, la città amministrata da Tosi, il sindaco che ha fatto della "caccia all'immigrato" uno dei motivi di "vanto" della sua amministrazione.

Ibrahima Barry è un operaio nato e cresciuto in Africa ma che vive da diversi anni in Italia. Si candida nell'unica lista al 100% comunista, la lista del Partito di Alternativa Comunista. Il candidato del Pdac sarà l'unico a sinistra del Pd (che presenta un proprio candidato sindaco sostenuto anche da Rifondazione Comunista, Sel e Idv): la candidatura di Ibrahima Barry vuole essere una candidatura rivoluzionaria, in contrapposizione ai tre schieramenti borghesi (quello leghista, quello di centrodestra e quello di centrosinistra).
E' una candidatura che ha un forte valore simbolico, per dire No al razzismo nelle città dove la Lega Nord ha sempre avuto il massimo consenso elettorale. Ma la candidatura di Barry rappresenta anche una realtà di lotta viva e presente nel territorio veronese, quella degli immigrati di Verona: la lista di Alternativa Comunista è infatti sostenuta tra gli altri da Moustapha Wagne, il presidente del Coordinamento Migranti di Verona, e vede candidati, insieme a lavoratori e studenti nativi, anche diversi immigrati residenti nel territorio cittadino.

Nei prossimi giorni inizierà la campagna elettorale di Ibrahima Barry e sabato 14 aprile si terrà la prima iniziativa centrale: una grande festa con dibattito. Per il Pdac, come sempre, la partecipazione alle elezioni ha come fine quello di propagandare un programma rivoluzionario, dalla parte dei lavoratori, anti-razzista, contro tutti i candidati sindaci delle liste borghesi, a favore di una prospettiva di lotta operaia e comunista a Verona e nazionalmente. L'unica prospettiva realistica di fronte alla crisi devastante del capitalismo, i cui costi la borghesia cerca di scaricare sulle spalle dei lavoratori nativi e immigrati.

 

 

 

Iscrizione Newsletter

Iscrizione Newsletter

Compila il modulo per iscriverti alla nostra newsletter - I campi contrassegnati da sono obbligatori.


Il campo per collaborare col partito è opzionale

 

Appuntamenti





campagna

tesseramento 2022

 






Il libro sulla lotta in Alitalia

 




 16 giugno zoom nazionale 

 

 


sabato 28 maggio Cremona

 


martedì 17 maggio

 

 


 

Giovedì 28 aprile 

ROMA

 


Giovedì 21 aprile:

zoom nazionale sulla Resistenza

 


 

14 APRILE MILANO

ASSEMBLEA ZOOM

 


LUNEDI' 28 MARZO 

ASSEMBLEA ZOOM

 

 


 mercoledì 23 marzo

 


 

Lega Internazionale dei Lavoratori - Quarta Internazionale

NEWS Progetto Comunista n 113

NEWS Trotskismo Oggi n 19

Ultimi Video

tv del pdac