Partito di Alternativa Comunista

PERCHE' LA SCUOLA NON SI DIFENDE CON CHI L'HA DISTRUTTA

PERCHE' LA SCUOLA NON SI DIFENDE
CON CHI L'HA DISTRUTTA
 
 
Volantino del Pdac per la manifestazione del 3 ottobre dei precari
 
 
L'anno scolastico si apre con 57 mila tagli di posti di lavoro nella scuola pubblica, tra docenti e personale Ata (bidelli, segretari, ecc): è solo il primo tempo di un piano, elaborato dai ministri Gelmini e Tremonti, che porterà alla distruzione dell'istruzione pubblica nel nostro Paese. Il governo Berlusconi ha previsto entro due anni il taglio di più di 150 mila posti di lavoro nella scuola: un vero e proprio licenziamento di massa.
 
I primi a farne le spese sono le centinaia di migliaia di lavoratori precari della scuola che, con la complicità dei governi di entrambi gli schieramenti, dopo anni e spesso decenni di lavoro non sono stati assunti a tempo indeterminato per ragioni di risparmio: un lavoratore precario costa molto meno allo Stato, sia perché per almeno due mesi all'anno non viene retribuito (d'estate i precari diventano disoccupati), sia perché a loro non sono riconosciuti gli aumenti di stipendio legati agli scatti di anzianità. I precari della scuola sono destinati a diventare disoccupati!
 
Il 3 ottobre il Partito di Alternativa Comunista è in piazza coi precari della scuola che hanno deciso di indire un corteo alternativo alla manifestazione della Federazione nazionale della stampa, corteo che si trasformerà in presidio permanente sotto il Ministero dell'istruzione (Miur). Riteniamo che sia una scelta corretta: la scuola pubblica non si difende insieme a quei partiti e a quelle forze politiche che hanno contribuito a smantellarla, a partire da PD. Se oggi la Gelmini, Berlusconi e Tremonti licenziano 150 mila precari, non dimentichiamo che sono stati Fioroni, Prodi e Padoa Schioppa (col sostegno di Bertinotti e dell'allora ministro Ferrero ora segretario del Prc) ad avviare il taglio di 40 mila precari. Se oggi la Gelmini aumenta il numero di alunni per classe, non dimentichiamo che anche Fioroni ha fatto lo stesso; se oggi la Gelmini accelera sul terreno della privatizzazione degli istituti, non dimentichiamo che è stato il decreto Bersani, varato in pieno governo Prodi, a trasformare le scuole in Fondazioni di diritto privato.
 
Riteniamo grave che la burocrazia della Cgil abbia invitato i precari della scuola a unirsi - insieme al codazzo delle organizzazioni riformiste e centriste, da Rifondazione a Ferrando - alla manifestazioni organizzata dai padroni per difendere la loro libertà di stampa, che non a caso non lascia mai spazio alle lotte dei lavoratori e alle loro rivendicazioni. Tra l'altro, l'invito ai precari della scuola a unirsi alla manifestazione della stampa ha del grottesco: non è forse vero che anche i quotidiani del centrosinistra (inclusa Repubblica) hanno contribuito negli anni passati a denigrare la figura del lavoratore del pubblico impiego, a partire proprio dagli insegnanti "fannulloni"? Così facendo hanno aperto la strada agli attacchi della Gelmini e di Brunetta.
 
Le lotte dei precari della scuola potranno essere vincenti solo se si uniranno alle lotte degli operai e dei lavoratori degli altri settori in una grande vertenza generale di tutto il mondo del lavoro. In Europa soffia di nuovo il vento della lotta di classe: per evitare di diventare carne da macello di un capitalismo in crisi che vuole riversare le spese sui lavoratori non resta che una strada da percorre: unità di classe contro il padronato e lotta ad oltranza. 
 

Iscrizione Newsletter

Iscrizione Newsletter

Compila il modulo per iscriverti alla nostra newsletter - I campi contrassegnati da sono obbligatori.


Il campo per collaborare col partito è opzionale

 

Campagne ed Iniziative





campagna

tesseramento 2024

 






Il libro sulla lotta in Alitalia

 




MODENA

DOMENICA 14-4


16 marzo

Milano

 


21 febbraio: zoom nazionale

 

 


4 febbraio

Bari


 

21 gennaio

formazione

 


31 dicembre

Bari


giovedì 21 dicembre

modena


domenica 17 dicembre

Cremona

 

 
 
 

 
4 dicembre
 
 

 
 16 ottobre ore 20.45
 
 

Cremona

sabato 14 ottobre ore 1530

 
 
 1-8-15 ottobre
 
 

 
festa in baracca
Cremona
 

 
martedì 27 giugno
zoom Milano
 
 
 

 
 
17 maggio
zoom nazionale su Marx
 
 
 

 

 

Lega Internazionale dei Lavoratori - Quarta Internazionale

NEWS Progetto Comunista n 131

NEWS Trotskismo Oggi n 22

Ultimi Video

tv del pdac