Partito di Alternativa Comunista

VIA I PADRONI E I LORO GOVERNI!

VIA I PADRONI E I LORO GOVERNI!
RIPRENDIAMOCI IL CONTROLLO DELL'ECONOMIA!
 
Tutti a Roma il 28 marzo
per dire no al capitalismo e alle sue crisi, pagate dai lavoratori
 
In vista della riunione dei ministri del Welfare del G14 che si terrà a Roma dal 29 al 31 - riunione preparatoria in vista del summit che dovrebbe tenersi alla Maddalena la prossima estate - Cub, Conf. Cobas e SdL (ora riuniti nel "Patto di base") hanno indetto per sabato 28 marzo una manifestazione nazionale contro le politiche del governo (l'appuntamento è in piazza della Repubblica alle 14,30).
"La crisi la paghino banchieri, padroni ed evasori", è la parola d'ordine con cui la manifestazione è stata indetta: la piattaforma rivendicativa include alcune rivendicazioni avanzate, come il blocco immediato dei licenziamenti, l'assunzione a tempo indeterminato dei precari, la riduzione dell'orario di lavoro a parità di salario. Apriranno il corteo i lavoratori precari, principali vittime del collasso del sistema capitalistico: il precario non ha nemmeno la dignità di "lavoratore" e non necessità della "fatica" di un licenziamento, è sufficiente non rinnovare il contratto. Accanto a loro, i lavoratori immigrati (spesso a loro volta precari) che, con la perdita del posto di lavoro, grazie alla Legge Bossi Fini (legge che l'ex ministro alla Solidarietà sociale, Paolo Ferrero, ora leader di Rifondazione comunista, si è ben guardato dal mettere in discussione), perdono anche il permesso di soggiorno.
 
Sono ormai milioni, nel nostro Paese, i lavoratori che sono diventati - o stanno per diventare - disoccupati: ormai gli stessi cantori dell'economia capitalistica sono costretti ad ammettere che questo sistema economico e sociale è al collasso e che nessuna ripresa è in vista. Gli editorialisti del Sole 24 Ore ci spiegano che ci attendono "tempi difficili" e mettono in guardia la borghesia: si apre una stagione di "tensioni sociali" (la Grecia e la Francia insegnano). Per questo, fanno appello alle burocrazie dei sindacati "fidati" (Cisl e Uil in primis, ma anche la Cgil) affinché non "inaspriscano" troppo i toni: la ricetta che propongono è quella di farci ingoiare in silenzio i frutti amari della crisi, per permettere ai padroni di conservare i miliardi accumulati in questi anni e attendere tempi migliori per i loro profitti.
 
Il Partito di Alternativa Comunista sarà in piazza il 28 marzo. Di fronte agli attacchi del governo - che vuole scaricare la crisi sui lavoratori per preservare i capitali di padroni e banchieri - non resta che la strada della lotta! Facciamo come in Francia, dove sono scesi in piazza sei milioni di lavoratori contro le politiche economiche del governo! Facciamo come in Grecia, dove le barricate nel centro di Atene sono all'ordine del giorno (barricate organizzate dai lavoratori, dai disoccupati, dai giovani, che stanno mettendo in seria crisi il governo)!
Il governo italiano, che tenta di privare i lavoratori anche degli spazi democratici e dei diritti civili (dalla messa in discussione del diritto di sciopero alle politiche razziste), si merita lo stesso trattamento del governo greco.
Se non vogliamo che la crisi del capitalismo si traduca in disoccupazione di massa, fascismi, guerre (come è accaduto ogni altra volta che le crisi economiche hanno raggiunto queste dimensioni) occorre sviluppare le lotte. Occorre costruire un grande sciopero generale, prolungato e di massa, per cacciare questo governo reazionario e aprire la strada a una prospettiva di potere dei lavoratori, a una economia socialista, cioè posta al servizio delle esigenze delle masse popolari. Un governo dei lavoratori non nascerà dalle urne, ma dalle lotte.
 
* Per la difesa del diritto di sciopero e di manifestazione! Elezione proporzionale nelle Rsu senza quote garantite e lotta per la costituzione dei consigli di fabbrica!
* Per la difesa dei diritti democratici, della laicità e delle libertà individuali! 
* Per la difesa del salario, dei diritti e delle tutele, contro l’Accordo quadro di rinnovo degli assetti contrattuali! Scala mobile dei salari!
* Ritorno al sistema pensionistico a retribuzione e riduzione dell’età pensionabile per uomini e donne! Aumento automatico delle pensioni in relazione al carovita!
* No alla cassa integrazione ordinaria e straordinaria, precorritrici in questa fase della mobilità! Nessun lavoratore deve essere licenziato: le ristrutturazioni aziendali le paghino i padroni ridistribuendo i profitti! Occupazione delle fabbriche che chiudono e licenziano! Costruzione in tutte le aziende in crisi e in lotta di comitati eletti dai lavoratori per dirigere la lotta, coordinamento degli stessi a livello provinciale, regionale e nazionale! Assemblea nazionale dei delegati!
* Organizzazione dell'autodifesa operaia - a partire dai picchetti di sciopero - contro gli attacchi delle forze dell'ordine borghese e contro gli attacchi delle "ronde" per la sicurezza.
* No ai finanziamenti a banchieri e capitalisti! Abolizione del segreto commerciale! Apertura dei libri contabili delle banche e delle aziende! Le aziende che licenziano o chiudono e le banche in crisi devono essere espropriate e poste sotto il controllo dei lavoratori!
* Stabilizzazione di tutti i lavoratori precari del pubblico e del privato!
* Permesso di soggiorno e cittadinanza per tutti gli immigrati, con pari diritti politici e sociali dei lavoratori italiani!
* Scala mobile dell’orario di lavoro a parità di salario, accanto a un piano di opere pubblche, fino al riassorbimento della disoccupazione! Costruzione di comitati di lotta per il lavoro! Fin da subito, salario sociale, pagato coi profitti dei padroni, equivalente al salario medio, per tutti i disoccupati!
* Per i diritti sociali: trasporti, scuola, sanità e previdenza pubblici e gratuiti! Per il diritto alla casa: riduzione degli affitti, requisizione delle case sfitte ed esproprio delle grandi proprietà immobiliari!
* Per il diritto alla salute nei luoghi di lavoro, contro gli infortuni e le malattie professionali, contro il degrado ambientale e le fonti di inquinamento!
* Lotta contro le guerre imperialiste! Ritiro immediato di tutte le truppe di occupazione! Chiusura delle basi militari e la loro riconversione ad uso civile! Confisca dei profitti militari ed esproprio dell'industria bellica!
* Per la cacciata del governo Berlusconi! Per un governo dei lavoratori! Per un’economia socialista pianificata, unica soluzione alla crisi capitalistica!
 
 

Iscrizione Newsletter

Iscrizione Newsletter

Compila il modulo per iscriverti alla nostra newsletter - I campi contrassegnati da sono obbligatori.


Il campo per collaborare col partito è opzionale

 

Campagne ed Iniziative





campagna

tesseramento 2024

 






Il libro sulla lotta in Alitalia

 il libro che serve per capire Lenin

 

perchè comprare

la loromorale e lanostra




23 maggio

Cremona


MODENA

DOMENICA 14-4


16 marzo

Milano

 

 

 

 

Lega Internazionale dei Lavoratori - Quarta Internazionale

NEWS Progetto Comunista n 131

NEWS Trotskismo Oggi n 22

Ultimi Video

tv del pdac