Partito di Alternativa Comunista

BASTA ATTACCHI AI DIRITTI DELLE DONNE!

BASTA ATTACCHI AI DIRITTI DELLE DONNE!
Un 8 marzo di lotta per  difendere la donna dal Vaticano e dal capitalismo
 
Da Giuliano Ferrara e la sua richiesta di "grande moratoria" sull'aborto, ai sempre più frequenti appelli del papa a "salvaguardare la vita prima della nascita", dalla richiesta di medici romani (di fatto legittimata anche dall'ordine dei medici nel suo complesso) di rianimare i feti abortiti, alle leggi regionali che prevedono la sepoltura dei feti: non passa giorno senza che le donne subiscano attacchi gravissimi ai diritti acquisiti nel corso di decenni di lotte.
Entrambi gli schieramenti dell'alternanza borghese,  centrodestra e centrosinistra, hanno portato avanti le medesime politiche, ossequiose nei confronti dei dettami del Vaticano. Al di là dei tentativi clericali di metterlo in discussione, il diritto di aborto, riconosciuto dalla legge 194, è spesso un diritto solo sulla carta: l'obiezione di coscienza di moltissimi medici rende praticamente impossibile abortire in tante cliniche. Due anni di permanenza della sinistra al governo con Prodi non sono serviti nemmeno a porre argine a questa situazione inaccettabile.
Così, non sono serviti due anni di partecipazione della sinistra al governo per introdurre la RU486, un farmaco che permette l'interruzione di gravidanza senza necessità di ricorrere all'intervento chirurgico. Addirittura la sua sperimentazione è stata vietata in molte regioni (comprese quelle di centrosinistra) e solo ora la sua introduzione in Italia s'impone per il fatto che a fine febbraio sono scaduti i termini della procedura di autorizzazione. Similmente, nulla il governo Prodi (con ministri della Sinistra arcobaleno) ha fatto per abolire l'ignobile legge 40, voluta dal precedente governo Berlusconi. Approvata nel 2004, la legge esclude la fecondazione eterologa e permette la fecondazione assistita solo alle coppie eterosessuali e solo dopo accertamento di sterilità o infertilità. Una prima discriminazione, quindi, riguarda le lesbiche. Ma anche per le donne eterosessuali, la legge 40 impone di produrre tramite la fecondazione assistita un massimo di tre embrioni e di impiantarli tutti e tre nell'utero con grossi rischi per la salute della donna.
Tutto questo mentre si aggrava lo smantellamento dei servizi pubblici: i tagli alla sanità pubblica, previsti dalle Finanziarie di entrambi gli schieramenti, aggravano una realtà fatta di insufficienti servizi per le donne. Recentemente, tra l'altro, la ministra Turco ha ha imposto alle donne neo-comunitarie senza un contratto di lavoro il pagamento di ben 810 euro per l'interruzione di gravidanza. Come sempre, sono le donne lavoratrici, precarie, immigrate quelle ad essere maggiormente discriminate.
E' ora di dire basta! Occorre prendere coscienza del fatto che nessun governo borghese potrà veramente prendersi cura della salute e dei diritti delle donne: occorre un'economia pianificata per la soddisfazione dei bisogni sociali, compresi i bisogni delle donne. Per questo dobbiamo batterci, dall'opposizione ai governi della borghesia, di qualsiasi colore siano, per un governo dei lavoratori e delle lavoratrici, cioè per un'alternativa rivoluzionaria e comunista. Il Partito di Alternativa Comunista è impegnato in questa prospettiva e da subito rivendica:  
 
 
* La difesa e il miglioramento della Legge 194, garantendone l'applicazione in tutti gli ospedali attraverso l'abolizione dell'obiezione di coscienza e l'introduzione delle migliori tecniche per la salvaguardia della salute delle donne (pillola abortiva).
 
* Accesso gratuito e senza prescrizione medica  alla "pillola del giorno dopo", senza l'obiezione di coscienza dei farmacisti.
 
* La cancellazione immediata della legge 40.
 
* L'esclusione del Movimento per la vita e delle altre associazioni antiabortiste dai consultori e dai reparti di ginecologia.
 
* Il potenziamento dei servizi pubblici a supporto delle donne, abolendo ogni finanziamento ai servizi privati e del privato sociale.
 
* La sostituzione a scuola dell'ora di religione con un'ora di educazione alla sessualità, alla contraccezione e alla salute.
 
* Il controllo delle lavoratrici, delle giovani e delle immigrate sull'erogazione e la gestione di tali servizi.

Iscrizione Newsletter

Iscrizione Newsletter

Compila il modulo per iscriverti alla nostra newsletter - I campi contrassegnati da sono obbligatori.


Il campo per collaborare col partito è opzionale

 

Appuntamenti





campagna

tesseramento 2022

 






 

martedì 17 maggio

 

 


 

Giovedì 28 aprile 

ROMA

 


Giovedì 21 aprile:

zoom nazionale sulla Resistenza

 


 

14 APRILE MILANO

ASSEMBLEA ZOOM

 


LUNEDI' 28 MARZO 

ASSEMBLEA ZOOM

 

 


 mercoledì 23 marzo

 


lunedì 14 Bari

 


lunedì 7 marzo

per l'8 marzo


Martedì 1 marzo 

Emilia Romagna


 

venerdi 25 febbraio

Bergamo

 


9 febbraio Roma 

 


Mercoledì 26 gennaio

Milano

 


Giovedì 20 gennaio Cremona

 


 

giovedi 13 gennaio 

 

 

 

Lega Internazionale dei Lavoratori - Quarta Internazionale

NEWS Progetto Comunista n 112

NEWS Trotskismo Oggi n 19

Ultimi Video

tv del pdac