Partito di Alternativa Comunista

FERRERO CALA LA MASCHERA!

FERRERO CALA LA MASCHERA!

Dopo un piccolo intermezzo di lotta, ritorna il Prc di governo

   
 di Francesco Ricci
 
Noi oltre a non crederci avevamo messo in guardia (fin dal congresso della "svolta a sinistra", due estati fa, e poi analizzando, anche negli scorsi mesi, i primi segni della imminente "controsvolta") e avvisato i militanti del Prc che avevano voluto dare ancora una volta credito al loro gruppo dirigente.

ferrero 
(Ferrero, con Grassi, al congresso della "svolta a sinistra", luglio 2008. Una stagione già archiviata.)
 

Nelle ultime settimane i fatti erano diventati sempre più chiari: avvicinandosi le elezioni regionali, i gruppi dirigenti nazionali e locali del Prc moltiplicavano dichiarazioni di piena e totale disponibilità a nuove alleanze elettorali e di governo col Partito Democratico, "senza preclusioni"... pur di non essere preclusi, certo (come sempre) "sulla base di programmi di svolta". Una svolta sotto l'egida del Pd, cioè del partito che ampi settori della grande borghesia preferirebbero avere ancora oggi al governo al posto del sempre più screditato Berlusconi.
Poi, di fronte all'incrinarsi dell'alleanza di governo del centrodestra, scorgendo qualche crepa nel muro in cui infilarsi, Ferrero (ben prima del "Comitato di Liberazione Nazionale" di Casini) aveva lanciato l'idea di un "governo a termine": solo qualche mese per cacciare Berlusconi e soltanto in nome (come sempre) della "difesa della democrazia".
Ma ora le elezioni regionali si avvicinano, le crepe nel governo si moltiplicano, e Ferrero rinuncia a ogni residuo pudore e getta infine la maschera. Le interviste di questi ultimi giorni (e quella a Repubblica di oggi è la più chiara) sono un vero e proprio appello alla borghesia: Riprendeteci, noi siamo qui. La recita della "svolta a sinistra" è davvero finita.
"Pronti ad accettare Casini premier, pur di battere la destra di Berlusconi" titola, con una certa soddisfazione l'intervista a Paolo Ferrero, il quotidiano di quella "borghesia progressista" che da sempre auspica un nuovo governo diretto dal Pd, in grado di affrontare finalmente (senza i problemi personali e processuali di Berlusconi) i conti della crisi del capitalismo. Facendola cadere (non bisogna essere fini analisti per capirlo) sulle spalle dei lavoratori.
Cosa dice Ferrero di nuovo rispetto alle scorse settimane? Ormai non parla nemmeno più di un "governo di scopo" (quale potesse essere lo scopo di un governo con i banchieri e la Confindustria, peraltro, non era difficile immaginare). Ora va oltre: offre la disponibilità del Prc a suggellare un vero patto di governo con il partito dell'alternanza borghese al centrodestra, il Pd. Il terzo accordo (dopo i disastri del Prodi I e del Prodi II). Non un accordo momentaneo, sia chiaro: un accordo per tutta la legislatura. A domanda del giornalista Ferrero risponde infatti che anche dopo le elezioni il Prc si comporterebbe con lealtà, senza infastidire il governo nella sua azione. Certo, siccome il trauma dell'ultima esperienza di governo è ancora dolorante (per milioni di lavoratori), il Prc sosterrebbe questo governo in parlamento ma senza chiedere ministri ("noi non entreremmo a far parte di un eventuale esecutivo (...). La sinistra ne resterà fuori, non ripeteremo l'esperienza del governo Prodi."). Come se il problema per i lavoratori fosse consistito nella grisaglia ministeriale di Ferrero e non piuttosto nel sostegno del Prc e di tutta la sinistra riformista a un governo imperialista, con conseguente rimozione di ogni opposizione  in parlamento e nelle piazze! Peraltro il sostegno esterno (cioè senza ministri) è già stato provato dal Prc: con il primo governo Prodi. All'epoca il Prc non aveva ministri e sosteneva il governo in parlamento. Anche in quella occasione votò tutto: guerre militari, guerra sociale ("pacchetto Treu", apertura dei lager per immigrati, ecc.).
Cosa giustifica allora questa ennesima capriola? Nelle dichiarazioni dell'ex ministro, tutto deriva dalla necessità di "battere la destra di Berlusconi". Roba che difficilmente sarà premiata con l'Oscar per la migliore sceneggiatura. Essendo l'esatto, identico, copione già utilizzato in tutte le precedenti occasioni. Nella realtà ciò che spiega questo ennesimo voltafaccia (dopo la "svolta a sinistra", i pugni chiusi al congresso, lo sventolio di bandiere rosse, la "autocritica" per i disastri prodotti) è una cosa soltanto, come da anni andiamo ripetendo: il lupo perde il pelo ma non il vizio; la burocrazia riformista non perde mai, nemmeno nelle pause forzate all'opposizione, il desiderio sfrenato di essere riammessa al servizio del governo padronale.
E' questo, in definitiva, che spiega perché proprio nel mezzo di una crisi economica e politica della borghesia, alla vigilia di prevedibili (e da tutti previsti) nuovi scontri di classe, Ferrero getta la maschera della lotta e offre nuovamente i suoi servizi ai padroni. Lo spazio concesso a Ferrero (dopo un periodo di silenzio stampa) è già di per sé una risposta: i padroni sono interessati alla gentile offerta.
C'è solo un dettaglio che i padroni e Ferrero trascurano: il gruppo dirigente riformista dovrà convincere militanti e attivisti che si ricomincia da capo, per la terza volta. Non sarà facile per loro. E, per parte nostra, pur consapevoli dell'esiguità delle nostre forze attuali, non saremo spettatori passivi nelle prossime settimane. Al centro del nostro imminente II Congresso Nazionale (Rimini, 8-10 gennaio) porremo appunto la necessità di avanzare nella costruzione di un nuovo partito comunista, basato sulla opposizione a tutti i governi della borghesia, premessa necessaria, in prospettiva, di un'alternativa di governo dei lavoratori; premessa necessaria e indispensabile, già oggi, per sviluppare le lotte e far pagare la crisi ai padroni. Alternativa Comunista si pone come strumento al servizio di questo compito. Ma non è solo affar nostro e certo non pensiamo di poterlo assolvere da soli. L'ennesimo voltafaccia dei dirigenti riformisti, la necessità di sviluppare le lotte contro il padronato e il capitalismo in crisi, impongono oggi più che mai a tutti i comunisti (di nome e di fatto) questo compito urgente.
Se Ferrero torna a bussare alla porta di servizio del Palazzo della borghesia, i comunisti restano nelle piazze, al fianco delle lotte degli operai e degli studenti.
 

Iscrizione Newsletter

Iscrizione Newsletter

Compila il modulo per iscriverti alla nostra newsletter - I campi contrassegnati da sono obbligatori.


Il campo per collaborare col partito è opzionale

 

Campagne ed Iniziative





campagna

tesseramento 2024

 






Il libro sulla lotta in Alitalia

 




MODENA

DOMENICA 14-4


16 marzo

Milano

 


21 febbraio: zoom nazionale

 

 


4 febbraio

Bari


 

21 gennaio

formazione

 


31 dicembre

Bari


giovedì 21 dicembre

modena


domenica 17 dicembre

Cremona

 

 
 
 

 
4 dicembre
 
 

 
 16 ottobre ore 20.45
 
 

Cremona

sabato 14 ottobre ore 1530

 
 
 1-8-15 ottobre
 
 

 
festa in baracca
Cremona
 

 
martedì 27 giugno
zoom Milano
 
 
 

 
 
17 maggio
zoom nazionale su Marx
 
 
 

 

 

Lega Internazionale dei Lavoratori - Quarta Internazionale

NEWS Progetto Comunista n 131

NEWS Trotskismo Oggi n 22

Ultimi Video

tv del pdac