Partito di Alternativa Comunista

Nucleare: un ritorno al passato

Nucleare: un ritorno al passato
UN SISTEMA DEVASTANTE, ARRETRATO COME IL CAPITALISMO
Il tentativo dei due poli borghesi di riportarlo in Italia
 
 

di Claudio Mastrogiulio
 
 
Per bocca del neoministro alle Attività Produttive Claudio Scajola, si è prospettata l'intenzione del governo Berlusconi IV di effettuare uno storico salto all'indietro lungo 21 anni, quello cioè del ritorno alla produzione energetica nucleare. Scelta più reazionaria in campo energetico non poteva realizzarsi.
Questa scelta trova effettività con un governo di centrodestra ma aveva nel centrosinistra un ottimo ariete di sfondamento.
 
Nel 2007, infatti, l'ex ministro allo Sviluppo economico del governo Prodi, Bersani aveva annunciato che di lì a pochi mesi sarebbe stata individuata un'area in cui realizzare un deposito unico nazionale di scorie radioattive (ciò dimostra la falsità del centrosinistra che nel 2003, in occasione delle proteste contro il deposito unico di scorie nucleari a Scanzano Jonico, utilizzò il movimento di lotta come passerella elettorale). Questo sarebbe stato il naturale passo, una volta superato il quale, avrebbe poi aperto la strada ad un prepotente ritorno del nucleare su vasta scala. Le motivazioni che ci portano ad affermare la nocività del nucleare sono un riflesso interpretativo misurato dall’inoppugnabilità dei dati macroeconomici e soprattutto tecnico-scientifici.
 
La presunta necessità del nucleare: qualche dato di una scelta di classe e militarista
La quasi totalità dei rappresentanti (a diversificarne l’approccio è solo qualche residuale distinguo) di quel manipolo di genuflessi funzionari dei poteri forti che chiamano Parlamento, vede come una scelta necessaria per rilanciare il “sistema Paese” quella del nucleare. Per inciso è doveroso rimarcare la pericolosità della necessità estrinsecata dalle vuote calotte craniche dei suddetti rappresentanti, basti pensare alle necessità dei Cpt, alle necessità delle finanziarie lacrime e sangue, alle necessità dei decreti xenofobi e razzisti, alle necessità delle privatizzazioni delle pensioni e dell’allungamento dell’età pensionabile, alle necessità della precarizzazione del lavoro salariato ecc.
Ultima, soltanto in ordine di tempo, la necessità del nucleare. Tutte queste necessità denotano un marcato segno di classe, evidenziabile in forma doppiamente lapalissiana riguardo la questione del nucleare. Evidente soprattutto per due criteri centrali come quello della pericolosità del nucleare in quanto tale e della sua onerosità economica. La maggioranza di governo pensa di poter risolvere grazie al ritorno al nucleare il problema della dipendenza energetica dalla Russia e in particolar modo dai Paesi sauditi, grandi produttori di petrolio. Bisogna innanzitutto rimarcare il fatto che oggi, la “panacea” delle problematiche che attanagliano i Paesi maggiormente industrializzati (il nucleare, ndr), copre appena il 6,4% del fabbisogno mondiale dell’energia.
Altra importante incongruenza rispetto ai proclami, populisti e reazionari al contempo, del governo Berlusconi IV e di chi lo appoggia in questa scelta, è quella che determina lo stato dell’arte riguardo l’uranio fissile necessario per la produzione industriale del nucleare. Il dato è incontrovertibile: già nel 2001 le riserve avrebbero potuto attenuare la centralità delle altre fonti energetiche per soli 35 anni; a pubblicare questi dati è stato il rapporto dell’Agenzia Internazionale per l’Energia Atomica (Aiea) delle Nazioni Unite (non certamente l’Iskra dei bolscevichi!).
Qualcuno, imbeccato da qualche studioso il cui nome è inserito nel proprio libro paga, potrebbe ricorrere all’uranio 238, certamente ben più abbondante in natura ma non fissile. Per questo semplice motivo ha bisogno di un dispendioso (a livello industriale) processo di cattura di un neutrone che sarebbe trasformato in plutonio che poi, detto fuori dai denti, è anche il principale componente per le bombe!
Come si noterà si tratta di un materiale che ha connaturato nelle proprie peculiarità il rischio di una imponente proliferazione militare rendendo ancor più infungibile il cosiddetto “nucleare civile” dal vero e proprio nucleare militare (protetto da segreto di Stato e perciò lasciato completamente all’arbitrio decisionale delle maggioranze borghesi che si susseguiranno). Sulla base di questo consolidamento si è caratterizzata la natura degli ultimi atti del governo Prodi (con l'appoggio di tutta la sinistra sedicente "radicale") che impongono il segreto di Stato su tutto ciò che concerne il nucleare. Addentrandoci ancor più nelle conseguenze economiche che una scelta di questo genere comporterebbe bisogna sottolineare che: per costruire un reattore nucleare da mille megawatt, tenendo conto delle stime del Mit (Massachusetts Institute of Technology; anch’esso non tacciabile di bolscevismo!) attestate al 2003, servono due miliardi di dollari. Ancora il Doe (il ministero per l’energia statunitense) oggettiva i costi di produzione del nucleare, con nuovi impianti, in 6,33 centesimi per ogni chilowatt (khw); esosi in maniera siderale se si pensa che produrre con il carbone costa 5,61 centesimi per chilowatt mentre con il gas costa 5,52 centesimi per khw. L’eolico, pulito da un punto di vista ambientale, costa 6,8 centesimi. A questa mole di costi che il nucleare comporta va aggiunto un forte contributo governativo di 1,8 centesimi/khw innalzando così l’effettivo costo di produzione a poco più di 8 centesimi/khw; ancora deve aggiungersi tutto lo sforzo economico necessario per lo smantellamento (il cosiddetto decommissioning) delle vecchie centrali che ammonterebbe ad una cifra oscillante tra i 500 milioni ed i 2,6 miliardi di euro. L’immensa portata di questo dispendio economico andrà evidentemente a cadere sulle teste e soprattutto nelle tasche dei lavoratori italiani; mai nella storia del dominio borghese si è osservato che un investimento così strutturalmente importante resti nell’alveo della totale privatizzazione dell’impresa. Nel sistema che ha come suo elemento ideologico fondamentale il profitto si riscontra infatti che soltanto quest’ultimo si connoti nell’ambito della caratterizzazione privatistica; tutto il resto (l’investimento strutturale, i costi d’impresa, gli incentivi, i tecnici etc.) vengono accollati dagli Stati nazionali che, da buoni mediatori finanziari dei poteri forti, prospettano loro le migliori garanzie di guadagno. Ovviamente questi Stati nazionali ricavano la propria base economica in termini di imposte, da far pagare salatamente ai lavoratori salariati di quello stesso Paese. Anche in questo particolare si denota la natura di classe del progetto nuclearista.
 
La pericolosità del nucleare
Il secondo nodo è quello riguardante la sicurezza: il rischio dell’utilizzo dell’uranio 238 che, trasformato in materiale fissile diventa plutonio, riguarda anche l’aspetto prettamente sanitario, basti pensare che finanche un solo milionesimo di grammo di tale sostanza sarebbe letale per l’uomo con cui entra in contatto. Oltre a questo v’è da prendere in considerazione la questione cruciale delle scorie radioattive provenienti dalla fabbricazione e dall’impiego del combustibile nucleare. Nemico mortale per la salute umana è il contatto delle scorie con l’acqua che, per la sua capacità di fessurazione di qualsiasi contenitore e conseguente messa in circolo del materiale radioattivo.
 
La verà necessità è distruggere questo sistema arcaico, il capitalismo
Le reali alternative necessarie per opporsi a questo stato di cose rappresentano un discrimine tra le organizzazioni opportuniste e quelle comuniste, nella misura in cui le prime si accontentano di proporre delle vuote e minime rivendicazioni circa una qualche forma di ambientalismo; mentre le seconde hanno la capacità di leggere con gli occhiali della lotta di classe e di proporre le uniche soluzioni compatibili... con gli interessi delle masse. Per tale motivo riteniamo che l’approccio che debba caratterizzare la nostra e l’azione di chi ritiene di potersi collocare al di qua di questa barricata sia quello incentrato sulla caratterizzazione di classe, oltre che del nucleare (come si è tentato di mostrare nelle righe precedenti), anche di quelle forme alternative (sul piano ambientale ma non, attualmente, su quello economico) come l’eolico, le biomasse, il solare etc. Certamente questi elementi innovativi potranno presentarsi come realmente alternativi e progressivi solamente nella misura in cui a essere capovolto non sarà soltanto il merito della produzione ma anche il modo della produzione.
Nell’attualità dell’oggi assistiamo, ad esempio, alla presenza di una schiera che potremmo definire contro-lobbistica (e non anti-lobbistica) da parte di quelle aziende multinazionali che ricavano profitto nella produzione dell’eolico e del solare. Questi gruppi industriali goffamente celano, dietro un presunto filantropismo ambientalistico, la loro brama di guadagno che è forse più subdola e sottile di quella nuclearista ma che comunque permane in tutto il suo portato marcatamente di classe.
È per questo semplice motivo che pensiamo debba rappresentare un punto polare nella lotta al nucleare la più ampia e inglobante lotta per l'abbattimento del sistema capitalistico e le sue logiche sfruttatrici ed accaparratrici, consapevoli del fatto che soltanto con un sistema che tenga conto dei bisogni sociali dei tanti e non degli appetiti di profitto dei pochi si potrà raggiungere un reale superamento delle storture, e tra queste il nucleare ne rappresenta una delle più importanti, dell’attuale sistema economico-sociale.                   

Iscrizione Newsletter

Iscrizione Newsletter

Compila il modulo per iscriverti alla nostra newsletter - I campi contrassegnati da sono obbligatori.


Il campo per collaborare col partito è opzionale

 

Campagne ed Iniziative





campagna

tesseramento 2024

 






Il libro sulla lotta in Alitalia

 il libro che serve per capire Lenin

 

perchè comprare

la loromorale e lanostra




 

Cremona  venerdì 14 giugno 


 

Domenica 2 giugno ore 19

 


1 giugno

Cremona

https://www.partitodialternativacomunista.org/articoli/materiale/cremona-venerdi-14-giugno

 


23 maggio

Cremona


MODENA

DOMENICA 14-4


16 marzo

Milano

 

 

 

 

Lega Internazionale dei Lavoratori - Quarta Internazionale

NEWS Progetto Comunista n 133

NEWS Trotskismo Oggi n 22

Ultimi Video

tv del pdac