Partito di Alternativa Comunista

MANIFESTAZIONE ANTI FIACCOLA E ANTI-TAV

INDAGATI MILITANTI DI PC-ROL A CREMONA
Prove di repressione ed intimidazione in vista dell’autunno


di Angelo Frigoli (*)
 
 
Sono stati raggiunti da avviso di garanzia quindici militanti appartenenti a varie organizzazioni che, nel gennaio scorso, a Cremona, hanno preso parte a una manifestazione di protesta in concomitanza col passaggio della fiaccola olimpica. Tra questi  vi sono appartenenti al Centro Sociale Dordoni, alla Lega della Cultura di Piadena, ad altre realtà ambientaliste e sociali e anche quattro militanti di PC-Rol. Le imputazioni che li vedono indagati vanno dalle più banali alla grottesca “radunata sediziosa” (reati che prevedono pene fino a 15 anni di carcere).
Queste accuse davvero ridicole sono scaturite da un pacifico presidio a cui hanno partecipato, oltre ai militanti di PC Rol e dei gruppi ricordati, anche giovani e simpatizzanti o passanti incuriositi dalle ragioni dei manifestanti.
Nonostante la palese impossibilità dei partecipanti al presidio di provocare il minimo disturbo alla manifestazione della fiaccola (vista l’ingente presenza di cosiddette forze dell’ordine in tenuta antisommossa), venivano caricati e dispersi con brutalità e violenza, a freddo, a circa un’ora dall’arrivo della fiaccola. La repressione sul campo non finiva qui visto che i manganellatori in divisa inseguivano i compagni fino al centro sociale Dordoni dove partiva un’ulteriore carica che costringeva i partecipanti al presidio a barricarsi all’interno del centro sociale.
 
Gli avvisi di reato sono dunque frutto di un disegno politico repressivo: l'intenzione è quella di spaventare i militanti, in particolare alcuni giovanissimi coinvolti nell'indagine.
Per spiegare questo atto intimidatorio bisogna ricordare che il presidio si teneva a 50 metri da un comizio del sindaco (di centrosinistra con assessori di Rifondazione al suo fianco) che celebrava la manifestazione per le Olimpiadi. E che tra i temi del presidio vi era, oltre alla solidarietà con i militanti No Tav (da Cremona era già partita, nelle settimane precedenti, un pullman organizzato da PC Rol -all'epoca sinistra del Prc- e dal C.S. Dordoni per partecipare alla manifestazione in Piemonte), anche l'opposizione alle politiche di infrastrutture distruttive dell'ambiente volute dal del centrosinistra cremonese (dall’autostrada Cremona-Mantova, al mega parcheggio in centro spazzando via importanti ritrovamenti di epoca romana, a un Terzo ponte sul Po) e alle sue politiche di privatizzazione dei servizi pubblici e di strangolamento delle esigenze sociali (risale a poche settimane prima la morte di un compagno, indigente e malato, ucciso dal freddo dopo che il Comune aveva tagliato il riscaldamento di casa sua: vicenda che aveva provocato una grande manifestazione contro la giunta).
 
Dopo la conferenza stampa organizzata da PC Rol (v. qui sotto alcuni articoli di stampa), Rifondazione ha espresso solidarietà con i manifestanti... confermando tuttavia la piena fiducia nel governo locale (a suo avviso estraneo alla manovra repressiva) che, a sua volta, per bocca del sindaco conferma la "piena fiducia nella magistratura". Magistratura che ha organizzato un'inchiesta in modo talmente maldestro da aver messo sotto giudizio anche un militante di PC Rol che non poteva essere presente al presidio perché era di turno al lavoro...
 
E’ una chiara volontà di colpire e intimidire l’unico partito politico che -in città come nazionalmente- si oppone da sinistra alle politiche borghesi dei governi di centrosinistra; di colpire ed intimidire i partecipanti ad un movimento che puo essere il nucleo attorno al quale si possono organizzare e sollevare i lavoratori orfani di rappresentanza politica dopo il tradimento di Rifondazione Comunista.
Sono le prove generali di quanto gli apparati dello Stato faranno in autunno, per difendere l'attacco anti-operaio del governo dalle mobilitazioni dei lavoratori e dei giovani.
 
Ovviamente noi non ci faremo ne intimidire né fermare e anzi utilizzeremo anche questo episodio per rimarcare che la giunta cremonese dell'Unione va cacciata, insieme al governo Prodi-Montezemolo. E' quanto ci impegneremo a fare, in ogni lotta, in autunno.
 

(*) Coordinatore PC Rol Cremona
 

 
RIPORTIAMO ALCUNI DEI TANTI ARTICOLI CHE STANNO RIEMPENDO LA STAMPA CREMONESE DI QUESTI GIORNI
 

Da La Cronaca, 4 luglio 2006:
 
FIACCOLA OLIMPICA E PROTESTE, 15 INFORMAZIONI DI GARANZIA
di Federico Centenari
 
Quindici informazioni di garanzia della Procura di Cremona hanno raggiunto altrettanti esponenti di Progetto Comunista (l'ex minoranza di Rifondazione), frequentatori del Centro Sociale Dordoni e ambientalisti del cremonese.
I fatti contestati dalla Procura risalgono al 15 gennaio scorso e fanno riferimento alla contestazione messa in atto in occasione del passaggio della Fiaccola Olimpica in città.
Al fine di controdenunciare l'accaduto, ieri pomeriggio presso il Kavarna, alcuni esponenti di Progetto Comunista hanno tenuto una conferenza stampa.
Erano presenti Francesco Ricci, coordinatore nazionale di Progetto Comunista, Angelo Frigoli, coordinatore provinciale, Alberto Madoglio, dirigente nazionale del partito, e due militanti: Alessandro Mazzolini e Mirko Seniga. Tutti i presenti, ad eccezione di Ricci, rientrano nei quindici indagati dalla Procura, ora accusati di reati molto gravi: dall'adunanza sediziosa alla resistenza a pubblico ufficiale, quanto riferito dagli stessi.
E' stato Ricci ad illustrare alla stampa i fatti. "Il 15 gennaio -ha detto- in occasione del passaggio della Fiaccola Olimpica a Cremona, c'è stata una manifestazione di protesta come d'altra parte è avvenuto in altre città. La protesta era anche un segno di solidarietà per i manifestanti No Tav in Val di Susa e, a Cremona, un modo per contestare le infrastrutture, quali il ponte e le autostrade." In quell'occasione, ricorda Ricci, "c'è stata una prima carica degli agenti tra piazza del Duomo e piazza Stradivari, seguita da altre due cariche davanti al Dordoni. I manifestanti non hanno avuto alcun contatto con la Fiaccola Olimpica, ma ora una quindicina di loro sono accusati di reati pesantissimi."
Accuse, incalza il coordinatore di Progetto Comunista, "tanto pesanti quanto ingiustificate, al punto che uno degli accusati, Frigoli, quel giorno si trovava al lavoro."
Tra i reati contestati, ha aggiunto Ricci, c'è anche la formazione di un corteo non autorizzato: "impossibile" -spiega Ricci- perché non c'è stato alcun corteo: i manifestanti si sono spostati da piazza del Duomo al centro sociale camminando sui marciapiedi."
Di qui la necessità -ad avviso degli esponenti di Progetto Comunista- di "denunciare l'accaduto e chiedere ai partiti della sinistra di Cremona e al sindaco (che si trovava a poche decine di metri dai fatti, puntualizza Ricci) di esprimersi sui fatti e dimostrare solidarietà alle persone raggiunte dall'informazione di garanzia."
Non è mancata da parte degli esponenti di Progetto Comunista, una lettura "politica" dell'indagine: "siamo l'unica organizzazione a Cremona" ha detto Ricci "che fa opposizione a questa giunta. Riteniamo non insignificante il fatto di avere ricevuto queste denunce. Mancando un presupposto giuridico, crediamo vi sia una logica politica dietro tutto questo."
In settembre, hanno annunciato i militanti presenti alla conferenza stampa, si terrà una manifestazione di protesta.
 
---
 
Da La Provincia, 4 luglio 2006:
 
OLIMPIADI, 15 INDAGATI PER LA FIAMMA.
di Gilberto Bazoli
 
Sono quindici gli indagati per gli incidenti verificatisi, a metà gennaio, durante il passaggio a Cremona della fiaccola olimpica. Contestati reati come resistenza a pubblico ufficiale, adunata sediziosa, manifestazione non autorizzata. Gli avvisi di garanzia hanno raggiunto, tra gli altri, militanti del Centro sociale autogestito Dordoni ed ex esponenti di Rifondazione Comunista, ora dirigenti di Progetto Comunista, ossia quella parte della sinistra del Prc uscita dal partito dopo le elezioni di aprile.
Sono stati proprio questi ultimi a rendere nota la svolta nell'inchiesta durante una conferenza stampa al Kavarna alla quale hanno partecipato, col il portavoce nazionale di Progetto Comunista, Francesco Ricci, alcuni degli indagati: Angelo Frigoli, Alberto Madoglio, Alessandro Mazzolini, Mirko Seniga.
"In realtà, quel 15 gennaio abbiamo organizzato, con ambientalisti e rappresentanti di altre realtà, una manifestazione pacifica -ha detto Ricci. E' stato contestato in modo simbolico il passaggio della Fiamma olimpica insieme con altre questioni più locali legate a progetti di infrastrutture come l'autostrada Cremona-Mantova e il terzo ponte."
Ricci e gli altri dirigenti di Progetto Comunista hanno fornito la loro ricostruzione di quel pomeriggio: "Mi chiedo come si possa definire corteo non autorizzato il fatto che una trentina di compagni lascino piazza Stradivari per raggiungere, camminando tranquillamente lungo il marciapiede, il Dordoni. Ma anche su quello che è accaduto prima non abbiamo colpe: è stata la polizia a caricare a frddo e senza motivo. Se non avesse reagito in quel modo, non ci sarebbero stati problemi." Quel pomeriggio uno degli indagati, è stato rimarcato ieri, non era fisicamente in centro ma stava lavorando. "Un particolare -ha commentato Ricci- che dimostra come questa sia un'inchiesta costruita in modo grossolano."
Secondo Madoglio, dietro i rinvii a giudizio ci sono "ragioni politiche: si colpisce chi, come noi, si prepara a contestare in autunno il governo Prodi per le sue politiche contro i lavoratori. Negli stessi giorni della protesta contro le Olimpiadi, un nostro compagno (Zeppelin, ndr) veniva ucciso dal freddo in una casa popolare: per noi è scattata la denuncia, per la sua morte neanche uno straccio di indagine."
Stessi toni da Frigoli, l'"indagato fantasma": "Forse non è un caso che sono stato io ad accusare il sindaco di quanto è avvenuto."
Ricci ha chiesto pubblicamente "a Corada e ai partiti di sinistra, a partire da Rifondazione, di pronunciarsi su questo fatto gravissimo" e ha preannunciato lo svolgimento di una manifestazione nazionale a Cremona, a settembre, in sostegno degli indagati.
 

Iscrizione Newsletter

Iscrizione Newsletter

Compila il modulo per iscriverti alla nostra newsletter - I campi contrassegnati da sono obbligatori.


Il campo per collaborare col partito è opzionale

 

Appuntamenti





campagna

tesseramento 2022

 






Il libro sulla lotta in Alitalia

 




Modena, 9 luglio

 


 16 giugno zoom nazionale 

 

 


sabato 28 maggio Cremona

 


martedì 17 maggio

 

 


 

Giovedì 28 aprile 

ROMA

 


Giovedì 21 aprile:

zoom nazionale sulla Resistenza

 


 

14 APRILE MILANO

ASSEMBLEA ZOOM

 


LUNEDI' 28 MARZO 

ASSEMBLEA ZOOM

 

 


 mercoledì 23 marzo

 


 

Lega Internazionale dei Lavoratori - Quarta Internazionale

NEWS Progetto Comunista n 115

NEWS Trotskismo Oggi n 20

Ultimi Video

tv del pdac